Martedì 11 Dicembre 2018 | 09:01

GDM.TV

i più visti della sezione

Benedetto XVI era definito «un giovane selvaggio»

BERLINO - La corazza blindata del guardiano della fede è arrivata col tempo: da giovane, Joseph Ratzinger, che oggi è divenuto Papa e ha preso il nome di Benedetto XVI, era all'inizio della sua fulminante carriera curiale un ribelle, un «giovane selvaggio» che combatteva lo status quo nella Chiesa.
Figlio di un poliziotto bavarese, il Papa, 78 anni compiuti lo scorso 16 aprile, è nato a Marktl am Inn in Baviera e dopo gli studi teologici e l'ordinazione a sacerdote nel '51 ha macinato una straordinaria carriera ecclesiastica, e accademica.
Nel marzo 1977 fu nominato da Paolo VI arcivescovo di Monaco e Friesing e a giugno, a soli 50 anni, fu nominato cardinale e al contempo anche professore ordinario all'Università di Ratisbona.
Nel 1981 Papa Giovanni Paolo II lo nominò prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, dicastero erede della Santa Inquisizione e presidente della Commissione teologica internazionale. E' entrato in conclave tra 113 cardinali creati da Giovanni Paolo II, essendo uno dei due soli cardinali nominati da Paolo VI. Nel 1978, assieme al cardinale di Vienna Franz Koenig, era stato fra i grandi elettori di Papa Karol Wojtyla, e in passato Ratzinger ha già partecipato a due conclavi.
La sua competenza e i suoi modi gentili e placidi gli valgono la stima anche dei critici, che considerano le sue posizioni sulla fede troppo conservatrici e rigide. Il suo documento 'Dominus Jesus', fu attaccato da quanti vi videro il tentativo di rivendicare un primato assoluto della Chiesa a danno del processo ecumenico. Ha sempre diffidato del pluralismo religioso e respinto le scuole di pensiero di riforma della Chiesa: è un fautore del latino ed è stato lui a costringere i preti cattolici in Germania a ritirarsi dal sistema di consultori per le donne incinte, attirandosi così molte critiche sia fra i fedeli che i sacerdoti. Anche sul celibato, il ruolo delle donne, l'aborto è per una linea dura.
Ma dietro la fama di dogmatico 'Panzerkardinal' si nasconde un passato in realtà ribelle e libertario. Da ragazzo, quando era consigliere del leggendario cardinale di Colonia Josef Frings, era un «giovane selvaggio": faceva parte assieme a Hans Kueng del gruppo di teologi detti 'Konzilteenager' (teenager del Concilio), che combattevano lo status quo nella Chiesa e chiedevano un rinnovamento liturgico. Dai teologi, Ratiznger pretendeva il «coraggio di soffrire": era il 1962, molto tempo fa.
Durante il Concilio Vaticano II (1962-65) contribuì al rinnovamento della Chiesa per arrivare poi, dopo la rivoluzione del 1968, a cambiare idee e convincersi che per salvare la Chiesa bisognava contrastare il «progresso» galoppante. Per il suo fermo e coraggioso nuotare controcorrente, fu premiato dal Papa. Giovanni Paolo II capì che la Chiesa mondiale aveva più bisogno della testa teologica di Ratzinger che del vescovato dei pastori di anime. Da allora il motto che ha guidato la comunità di un miliardo di cattolici nel mondo è stato duplice: la Chiesa deve restare possibilmente come è, e gli uomini fanno bene a non diventare così come la società moderna.
Più volte il cardinale tedesco aveva offerto le dimissioni, ma Giovanni Paolo II le aveva sempre respinte: per sè aveva detto di non avere ambizioni personali oltre a quella di ritirarsi a scrivere. Ma evidentemente i cardinali in conclave non l'hanno pensata così.
Flaminia Bussotti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca