Domenica 21 Aprile 2019 | 14:17

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Berlusconi a Ciampi proporrà un "rimpasto". An per la "crisi pilotata". La Lega "giura fedeltà" al Governo

ROMA - Elezioni anticipate, Berlusconi-bis, rimpastino. Delle tre possibili risposte prese in esame nella Cdl dopo la sconfitta alle regionali, la prima pare ormai archiviata, nonostante ogni autorevole pressione. In attesa del colloquio di domani al Quirinale tra Ciampi e Berlusconi e del vertice di maggioranza di giovedì, restano perciò sul tappeto le altre due ipotesi. Il premier, sostenuto dalla Lega, si è orientato verso il rimpasto: due, tre sostituzioni massimo di ministri tecnici e un passaggio parlamentare, per ottenere la fiducia della Cdl su nuovo programma e cambi di squadra. Mentre l'Udc si prepara a riunire la direzione, An si schiera con tutti i suoi colonnelli per l'apertura formale di una "crisi pilotata", che in 48-72 ore porterebbe ad un Berlusconi-bis. Un passaggio fortemente "blindato", da spiegare agli elettori con la necessità di dare un nuovo assetto (più politico e meno tecnico) al governo più longevo della Repubblica, meglio attrezzandosi alla lunga campagna elettorale per il 2006.
Gli orientamenti del Colle peseranno sugli esiti della partita. Fonti nella maggioranza raccontano che il Quirinale non dovrebbe ostacolare una operazione "pulita", che sia frutto di un vero accordo nella Cdl, mentre interverrebbe per evitare ogni forzatura. Chi è vicino al premier assicura che Berlusconi non pensa affatto a dimettersi e non vuole crisi, ancorchè pilotate. Il Cavaliere punta piuttosto a ritocchi minimi (fuori Sirchia e Lunardi, dentro due politici di An ed Udc, un nuovo ministero per il Mezzogiorno) per chiudere la crisi politica con la fiducia della maggioranza su nuova squadra e nuovo programma economico.
Berlusconi ottiene oggi il netto sostegno della Lega che, al termine del Consiglio federale con Bossi, stila un documento dai toni inequivocabili: «Il consiglio federale - si legge - ha deliberato di garantire al presidente Berlusconi il sostegno leale della Lega Nord e di sostenere il suo governo, che ha ancora molti compiti da svolgere, primo fra tutti il compimento della riforma federale dello Stato». E il ministro Maroni parla di un premier «sereno, convinto e determinato a completare la legislatura».
Completare la legislatura. Alleanza Nazionale fa notare che questo non esclude la nascita di un governo-bis. E infatti, dalla destra è un fuoco di fila a favore di un nuovo governo a guida Berlusconi: «Serve un governo nuovo e senza perdere tempo» (Gasparri), «Una crisi di governo non è un peccato nè una vergogna dopo un responso elettorale non favorevole» (Alemanno), «Il passaggio parlamentare sarebbe logica conseguenza alla necessaria revisione del programma e della squadra di governo» (La Russa). Fa riflettere poi che sia lo stesso vice coordinatore di Forza Italia Fabrizio Cicchitto ad osservare, in un'intervista al "Quotidiano nazionale": «Un rimpasto potrebbe bastare, ma in caso contrario si può anche esaminate l'ipotesi di un nuovo governo, a condizione che prima di aprire una crisi, sia pure pilotata, tutte le forze politiche siglino un patto di ferro su nuovo programma e nuova struttura di governo».
I riflettori sono puntati sul Colle. Ma anche sulla direzione convocata per domani da Marco Follini, dove il vicepremier centrista ribadirà che l'Udc si opporrà con fermezza ad una Finanziaria elettorale e intende vigilare su ogni ipotesi di gestione allegra dei conti pubblici.
Milena Di Mauro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

 
Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

 
La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

 
Ruspe a Borgo Mezzanone

Ruspe nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: impegnati 209 agenti