Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 19:26

GDM.TV

I cardinali preferirebbero il silenzio-stampa. Un «invito» ai mass media, con i ringraziamenti

CITTÀ DEL VATICANO - I cardinali hanno scelto la via del silenzio. Da oggi in poi, fino all'elezione del nuovo Pontefice, non rilasceranno più interviste né dichiarazioni.
E chiedono che dagli organi di informazione non vengano richieste in tal senso.
La decisione è stata presa questa mattina nel corso della sesta Congregazione generale dei cardinali, che sovrintende alla gestione ordinaria durante il periodo di Sede vacante, e resa pubblica dal portavoce della Santa Sede, Joaquin Navarro-Valls, nel corso di un briefing.
È stata una decisione - ha spiegato Navarro - adottata «all'unanimità» e va interpretata «non come un atteggiamento di scortesia o di disinteresse nei confronti dei media», che anzi i cardinali non mancano di ringraziare per l'enorme interesse con il quale stanno seguendo questo periodo del Vaticano, ma piuttosto come «un gesto di grande responsabilità». Navarro ha sottolineato più volte questo aspetto, per evitare che si ingenerino interpretazioni non appropriate.
Come pure ha detto che la decisione dei cardinali non dev'essere letta come un divieto di carattere giuridico, ma solo ed unicamente come «un invito».
Certo è che per la prima volta nella storia delle elezioni dei Pontefici in epoca di comunicazione si assiste a questo silenzio, segno probabilmente che mai come oggi è davvero un momento delicato per la Chiesa perché si tratta di scegliere il successore di un Papa come Wojtyla, che ha lasciato un'eredità enorme, finendo così con il comportare compiti ancor più gravosi per il nuovo Pontefice.
I primi segnali di questa nuova linea dei cardinali si erano avuti già prima del briefing di Navarro, quando al termine della Congregazione generale i giornalisti in attesa sotto il porticato che conduce verso l'ingresso dell'ex Sant'Uffizio hanno cercato di ottenere informazioni dai porporati che, ultimati i lavori di oggi, erano usciti dall'Aula nuova.
«I cardinali sono stati pregati di non avere interviste con nessuno», ha risposto infatti ai cronisti il cardinale Eugenio de Araujo Sales, arcivescovo emerito di Sao Sebastiao do Rio de Janeiro, in Brasile. «È cominciato un periodo di silenzio, la decisione non è mia. Manterremo il silenzio fino al momento delle elezioni», ha aggiunto il porporato.
È stato chiesto se fosse stato il Decano del Collegio cardinalizio, Josef Ratzinger, a imporre in qualche modo il silenzio, e Sales, che peraltro non prenderà parte al prossimo Conclave perché ha superato gli 80 anni di età, ha risposto divertito «Chiedetelo a lui». E a sua volta il cardinale Wilfrid Fox Napier, arcivescovo di Durban in Sudafrica, ha aggiunto «stiamo lavorando al Conclave, non rilasciamo dichiarazioni».
Una risposta più definita l'ha data invece l'arcivescovo di Colonia, Joachim Meisner, ma solo per sottolineare che ora i cardinali avranno bisogno di «preghiere, preghiere prolungate».
Due giorni fa invece il cardinale Godfried Danneels, arcivescovo di Bruxelles, aveva detto che non gli risultava che il Decano avesse imposto il silenzio con i mass media, aggiungendo che «esprimersi è un diritto umano, dobbiamo comunque essere intelligenti e rispettosi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive