Venerdì 26 Febbraio 2021 | 11:45

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoArea a caldo
Taranto, muore operaio 38 anni dopo malore nello spogliatoio

Taranto, muore operaio 38 anni dopo malore nello spogliatoio

 
BariAlla Zona indistriale
Bari, allarme bomba: evacuata la Motorizzazione dopo telefonata anonima

Bari, allarme bomba: evacuata la Motorizzazione dopo telefonata anonima

 
MateraLa polemica
Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

 
FoggiaL'ìindagine
Licenza Ncc a Vico del Gargano, ma «lavoravano» a Roma: 3 denunciati per truffa

Licenza Ncc a Vico del Gargano, ma «lavoravano» a Roma: 3 denunciati per truffa

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

i più letti

Il rabbino di Roma Toaff: «Mi ha commosso il ricordo nel testamento»

ROMA - «Mi ha fatto un grande piacere. Non me l'aspettavo assolutamente. Questo vuol dire che l'affetto che provavo per lui era ricambiato». Così il rabbino emerito di Roma Elio Toaff commenta la notizia di essere presente nel testamento di Papa Wojtyla.
«E' stato un grande Papa - ha ribadito Toaff -. La sua politica era quella di ricercare di abbattere gli ostacoli tra le varie religioni».
«Sarà difficile sostituirlo - ha aggiunto - ma spero di sbagliarmi». Toaff non è ancora sicuro di partecipare ai funerali: «Se devo andare in mezzo alla folla alla mia età, è difficile...».

«Di questo gesto del Papa - ha proseguito Toaff - mi ricorderò sempre finché campo. E di questo sono veramente grato al pontefice».
Il rabbino capo emerito di Roma ha poi definito la visita del papa nel Tempio maggiore nel 1986 come «indelebile nella sua mente». «Quello fu l'inizio di un rapporto di amicizia e di stima. Quando è entrato in Sinagoga tutti quei pregiudizi accumulati nei secoli sono stati annullati. Più di questo non si poteva ottenere».
Toaff ha poi detto di aver contattato, prime della storica visita, tutti i rabbini europei per avere il loro parere: «nessuno, e anche in questo caso c'è stata una mano..., ha detto di no».
«Non sapevo cosa avrebbe detto il papa nel suo intervento e per questo - ha ricordato - ero titubante, ma poi fece quel discorso meraviglioso chiamandoci 'Fratelli maggiori'».
Toaff ha quindi spiegato il gesto che ha fatto nel corso della visita alle spoglie del pontefice quando ha alzato la mano come a benedire. «Al tempo stesso - ha detto - ho recitato una preghiera in ebraico per i defunti che vuol dire: 'Dio ti dia riposo e ti avvii verso la resurrezione'».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400