Giovedì 13 Dicembre 2018 | 10:38

GDM.TV

Alla Regione Puglia 42 consiglieri Unione

Definito il numero - secondo i dati della Prefettura di Bari - dei rappresentanti nel Consiglio. Il numero comprende il nuovo presidente della giunta, Niki Vendola (Rifondazione comunista, leader della coalizione di centrosinistra). Saranno 28 i consiglieri del centrodestra (compreso il presidente uscente, Raffaele Fitto)
• Elezioni regionali Puglia • Tutte le regioni
BARI - Sono complessivamente 42 i candidati eletti per la coalizione di centrosinistra, guidata da Nichi Vendola, nelle elezioni regionali della Puglia; 28 sono invece gli eletti per la Cdl, compreso il candidato presidente, Raffaele Fitto.
Due sono le donne elette: Elena Gentile, eletta nella lista dei Ds nella circoscrizione di Foggia con 7.291 preferenze, e Giuseppina Marmo (La Margherita), circoscrizione Barletta-Andria-Trani, che ha avuto 4.997 voti. Il candidato più votato in assoluto è stato Rocco Palese (Forza Italia), che nella giunta regionale uscente era assessore al Bilancio: ha avuto 28.448 voti nella circoscrizione di Lecce.
Gli eletti nella lista di Alleanza nazionale Msi sono sette: Tommaso Attanasio (9.487 voti, circoscrizione Bari), Sergio Silvestris (9.128, circoscrizione Bari), Nicola Marmo (10.640 voti, circoscrizione Barletta-Andria-Trani), Michele Saccomanno (10.348, circoscrizione Brindisi), Roberto Ruocco (11.621 voti, circoscrizione Foggia), Saverio Congedo (15.895, circoscrizione Lecce) e Pietro Lospinuso (15.156 voti, circoscrizione Taranto).
Ai Ds sono andati 14 seggi: per la circoscrizione di Bari, Mario Loizzo (12.230 voti), Sergio Povia (8.969) e Michele Ventricelli (7.237); Giuseppe Dicorato (5.537 voti) per la circoscrizione Barletta-Andria-Trani; per la circoscrizione di Brindisi, Vincenzo Montanaro (7.745 voti) e Giuseppe Romano (5.841); per la circoscrizione di Foggia, Angelo Riccardi (11.135 voti), Leonardo Marino (9.197) ed Elena Gentile (7.291); per la circoscrizione di Lecce, Alessandro Frisullo (16.087 voti), Antonio Maniglio (9.560) e Giuseppe Taurino (6.779); per la circoscrizione di Taranto, Luciano Mineo (8.524 voti) e Paolo Costantino (6.805).
Otto sono i seggi assegnati alla Margherita: circoscrizione di Bari, Guglielmo Minervini (7.534 voti) e Pietro Pepe (7.473); Giuseppina Marmo (4.997 voti) nella circoscrizione Barletta-Andria-Trani, Vincenzo Cappellini (3.699) nella circoscrizione di Brindisi, Francesco Ognissanti (8.010 voti) nella circoscrizione di Foggia; nella circoscrizione di Lecce Dario Stefano (9.600 voti) ed Enzo Russo (9.335); Michele Pelillo (7.623 voti) nella circoscrizione di Taranto.
A Forza Italia sono andati 10 seggi: Massimo Cassano (10.839 voti), Luigi Loperfido (9.818) e Giacomo Olivieri (9.556) nella circoscrizione di Bari; Carlo Laurora (7.933) nella circoscrizione Barletta-Andria-Trani; Marcello Rollo (8.233 voti), circoscrizione Brindisi; Lucio Tarquinio (14.658) a Foggia; Rocco Palese (28.448 voti) e Raffaele Baldassarre (13.889) nella circoscrizione di Lecce; Pietro Franzoso (15.626 voti) e Simone Brizio (7.522) a Taranto.
Il candidato eletto per la lista Italia dei valori è Vitantonio Bonasora (3.729 voti) nella circoscrizione di Bari.
Tre gli eletti per la lista La primavera pugliese: Stefano Giampaolo (4.742 voti) nella circoscrizione di Bari, Vittorio Potì (4.795) a Lecce e Donato Pentassuglia (4.779 voti) a Taranto.
Alla lista La Puglia prima di tutto sono andati 5 seggi: Ignazio Zullo (8.797 voti) e Giammarco Surico (6.331) nella circoscrizione di Bari; Francesco Damone (5.962 voti) a Foggia, Vincenzo Barba (10.209) a Lecce e Gianfranco Chiarelli (9.848) a Taranto.
Quattro gli eletti per la lista Udc: Salvatore Greco (12.743 voti) a Bari, Angelo Cera (11.034) a Foggia, Luigi Caroppo (6.288) nella circoscrizione di Lecce, Enzo Manco (8.979) a Taranto.
Uno il candidato eletto per il Nuovo Psi: Francesco Visaggio (3.963 voti) a Bari.
Due sono andati ai Comunisti italiani: Carlo De Santis (2.085 voti) a Bari e Cosimo Borraccino (2.832) a Taranto.
Al partito di Rifondazione comunista sono stati assegnati 4 seggi: Michele Losappio (3.944 voti) nella circoscrizione di Bari, Pietro Mita (3.790) a Brindisi, Arcangelo Sannicandro (3.183) a Foggia, Pietro Manni (2.034) a Lecce.
Due gli eletti per i Socialisti autonomisti: Alberto Tedesco (8.760 voti) a Bari e Giuseppe Cioce (3.316) nella circoscrizione Barletta-Andria-Trani.
All'Udeur sono andati tre seggi: Nicola Canonico (4.378 voti) a Bari, Giovanni De Leonardis (4.232) a Foggia e Antonio Buccoliero (3.547) a Lecce.
Tre gli eletti per la lista dello Sdi: Onofrio Introna (3.913 voti) nella circoscrizione di Bari, Giuseppe Lonigro (6.570) a Foggia e Donato Pellegrino (3.749) a Lecce.
Uno, infine, il candidato eletto per la lista Verdi per la pace: Domenico Lomelo (2.351 voti) nella circoscrizione di Bari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»