Lunedì 08 Marzo 2021 | 03:47

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Il virus
Covid, il monito della virologa: «Vaccinati? Potrebbero contagiarsi. 2 casi su 3 da variante inglese»

Covid, il monito della virologa: «Vaccinati? Potrebbero contagiarsi. 2 casi su 3 da variante inglese»

 
FoggiaIl caso
Covid 19 a Foggia, in 9 sorpresi a giocare a carte: multati

Covid 19 a Foggia, in 9 sorpresi a giocare a carte: multati

 
LecceLa nomina
Musica, 5 vincitori e menzione speciale per il premio delle Arti a Lecce

Musica, 5 vincitori e menzione speciale per il premio delle Arti a Lecce

 
BatIl caso
Trani, la discarica si trasforma in impianto

Trani, la discarica si trasforma in impianto

 
MateraIl caso
Montescaglioso, le vende cocaina e la intrappola in casa: salvata da una mail inviata ai cc

Montescaglioso, le vende cocaina e la intrappola in casa: salvata da una mail inviata ai cc

 
TarantoQuote rosa
Taranto, assunzioni col trucco: in 18 sotto processo

Taranto, assunzioni col trucco: in 18 sotto processo

 
PotenzaIl caso
Maratea, scoppia zuffa fra sindaco e assessore: entrambi in ospedale

Maratea, scoppia zuffa fra sindaco e assessore: entrambi in ospedale

 
BrindisiLa cerimonia
L’abbraccio Puglia-Albania: «A Brindisi una medaglia per l’accoglienza»

L’abbraccio Puglia-Albania: «A Brindisi una medaglia per l’accoglienza»

 

i più letti

Tris nel Lazio: Centrosinistra comanda nel Comune, Provincia e Regione

Piero Marrazzo ROMA - «Piero, Piero, Piero»: le centinaia di persone che affollano la sala scelta dal Comitato Marrazzo per attendere l'esito del voto non smettono di scandire il nome del nuovo presidente della Regione Lazio. Piero Marrazzo è sul palco allestito nella Stazione Termini e tutti intorno a lui ci sono i leader del centrosinistra. Si tengono per mano alzando le braccia in segno di vittoria mentre lo spazio chiuso si trasforma via via in un'altra piazza Santissimi Apostoli, luogo storico della vittoria dell'Ulivo negli ultimi 10 anni. Marrazzo invita tutti a non parlare di festa, in rispetto del Papa, ma è difficile contenere la gioia di tutti: Piero Fassino, Francesco Rutelli, Alfonso Pecoraro Scanio, Antonio Di Pietro. Ma soprattutto Walter Veltroni e Goffredo Bettini, ai quali insieme a Francesco Rutelli, va il primo ringraziamento di Piero Marrazzo: è il 'modello Romà, che come nell'ultimo mese di campagna elettorale tutti non avevano piùsmesso di ripetere, stava per essere esportato in tutta la regione.
Poco più tardi, quando già tutti erano scesi dal palco ed erano letteralmente sommersi dalla folla festante, arriva Romano Prodi e allora stavolta è il suo nome ad essere scandito: «Romano, Romano». «Vinciamo perchè siamo uniti». Il leader dell'Unione continua a ripetere questa frase mentre abbraccia e stringe Marrazzo.
L'attesa al Comitato era cominciata alle primissime ore del pomeriggio. Mentre i tecnici stavano terminando di allestire la sala stampa e il palco, arrivavano i primi giornalisti. Alla chiusura dei seggi, alle 15, non c'era ancora nessun personaggio politico. I primi ad arrivare, alla spicciolata, alcuni dei principali esponenti del centrosinistra di Roma e della Regione: il Verde Angelo Bonelli, il coordinatore della Margherita Giorgio Pasetto e in particolare Nicola Zingaretti, europarlamentare dei Ds, ma soprattutto insieme a Goffredo Bettini, uno degli uomini chiave di questa campagna elettorale.
Alle 16,30 arriva la prima proiezione: si basa appena sul 6% delle sezioni, ma già dà il senso di quello che sta per accadere. Marrazzo è in vantaggio su Storace di circa 2 punti e mezzo percentuali e tra i presenti, intanto già più numerosi, esplode il primo boato di gioia. Nelle ore successive, mentre gran parte delle altre regioni si avvicinano più rapidamente alla concretezza del risultato, quelli del Lazio arrivano con una lentezza esasperante. In molti cominciano a parlare di una possibile intenzionalità in tutto questo. Ma quando intorno alle 20 arriva la proiezione che riguarda oltre il 50% delle sezioni e che dà un vantaggio di 4 punti a Marrazzo, questo diventa il segnale del via libera. Il candidato, a questo punto già vincitore, informa alcuni giornalisti, che la lunga attesa è finita: «Ci stiamo muovendo e tra pochi minuti saremo lì».
E così accade: poco prima delle 9 Marrazzo fa la sua apparizione e sale sul palco: «Questa - urla con gli occhi lucidi - è la vostra vittoria».
Un'ora più tardi, spossato, a chi gli chiede cosa farà domani risponde: «La prima cosa che farò è fermarmi a pensare. A pensare al futuro di questa regione per ridare la speranza alle donne e agli uomini del Lazio».
Daniele Marchetti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400