Giovedì 28 Gennaio 2021 | 13:59

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl fenomeno
Bari, allarme droghe sintetiche nella movida clandestina

Bari, allarme droghe sintetiche nella movida clandestina

 
Foggiacontrolli della ps
Cerignola, nascondeva oltre un chilo di marijuana nel borsone in una siepe: arrestato 47enne

Cerignola, nascondeva oltre un chilo di marijuana nel borsone in una siepe: arrestato 47enne

 
MateraControlli dei CC
Montescaglioso, nei guai 6 «furbetti» che abbandonavano rifiuti per strada

Montescaglioso, nei guai 6 «furbetti» che abbandonavano rifiuti per strada

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, cala numero nuovi contagi (+42) e 1 decesso: tasso positività al 6,27%

Covid in Basilicata, cala numero nuovi contagi (+42) e 1 decesso: tasso positività al 6,27%

 
Batcontrolli dei CC
Bisceglie, in auto sulla SS 16 bis con 1,2 kg di marijuana: arrestata coppia di Brindisi

Bisceglie, in auto sulla SS 16 bis con 1,2 kg di marijuana: arrestata coppia di Brindisi

 
LecceNel Leccese
Sogliano Cavour, mafia & politica: indagato ex sindaco

Sogliano Cavour, mafia & politica: indagato ex sindaco

 
Brindisicontraffazione
Brindisi, carico di borse con griffe false: nuovo sequestro nel porto

Brindisi, carico di borse con griffe false: nuovo sequestro nel porto

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 

i più letti

Lodi da Alessio II, il patriarca che non lo volle a Mosca

MOSCA - «Possa la sua memoria vivere per sempre!», auspica il patriarca russo-ortodosso Alessio II. «Era un uomo saggio e sensibile, il suo nome è associato ad un'intera epoca», sottolinea il presidente Vladimir Putin. Ma il fatto rimane: Giovanni Paolo II se ne è andato con il cruccio di non aver potuto mai mettere piede nella Russia post-comunista. Per il «niet» del patriarca, che il Cremlino ha assecondato.
Dicono dunque soltanto una parte della verità i calorosi messaggi di condoglianze inviati oggi dal patriarca e da Putin, che a parole fanno a gara nell'esaltazione della figura del pontefice defunto. «Il papato di Giovanni Paolo II - così scrive Alessio II - ha segnato un'epoca nella vita della Chiesa cattolica romana e in generale nella storia moderna. La persona, l'attività e le idee di Giovanni Paolo II hanno avuto un forte impatto sul mondo. Piangiamo anche noi la perdita che ha colpito i cattolici. Il defunto capo dell'antica Chiesa cattolica romana era noto per la sua devozione alla via scelta in gioventù e per il forte impegno cristiano. Nella lotta contro la malattia è rimasto fedele al suo dovere, servendo con coraggio il gregge dei fedeli fino all'ultimo giorno».
Non da meno Putin: nel suo messaggio di condoglianze al cardinale Ratzinger definisce il Papa defunto «un uomo saggio e sensibile», «una eccezionale personalità dei nostri tempi il cui nome è associato ad un'intera epoca», che nel corso della sua «instancabile attività « ha cercato di «costruire relazioni internazionali più giuste», «formare la società su principi di amore per l'umanità e di solidarietà «, «rafforzare i fondamenti spirituali e morali dellka vita umana».
«Dei miei incontri con il pontefice ho conservato calorosissimi ricordi. Era un uomo saggio e sensibile, aperto al dialogo», dice il presidente russo (noto per il carattere piuttosto glaciale) sottolineando come Giovanni Paolo II - che lui ha visto l'ultima volta in Vaticano nel novembre 2003 - si sia guadagnato non solo «il profondo amore dei cattolici di tutto il mondo» ma anche «il meritato rispetto di centinaia di milioni di persone di varie fedi e nazioni».
Una realtà un po' più complessa e rispondente al vero traspare da un altro messaggio, del metropolita Kirill, numero due della gerarchia ortodossa, che ha espresso un augurio significativo e cioè che «in futuro il ricordo del Papa defunto serva alla creazione di rapporti reciprocamente buoni» tra la Chiesa ortodossa russa e quella cattolica e «diventi un pegno per superare le attuali difficoltà «.
Le «difficoltà « in effetti non mancano e spiegano come mai Papa Wojtyla sia stato paradossalmente tenuto al bando della «nuova» Russia malgrado proprio lui abbia dato un grosso contributo alla fine della guerra fredda e al crollo del regime totalitario sovietico.
L'attrito di fondo tra il Vaticano e il monastero Danilov di Mosca (dove Alessio II ha il quartier generale) riguarda l'attività missionaria cattolica nell'ex-Urss: per la chiesa ortodossa - che è diventata potentissima nella Russia post-comunista ma teme la concorrenza di una confessione molto più forte e ricca - si tratta di un'indebita forma di «espansionismo» e meglio farebbero i cattolici a smetterla con l'assistenza sociale a tutto campo e con la tentata conversione di «russi che non hanno legami storici con la Chiesa di Roma».
Il patriarcato di Mosca non ama in particolare l'operato del Vaticano in Ucraina e non ha affatto gradito che nel 2002 Paolo Giovanni II abbia creato in Russia quattro diocesi permanenti, con a capo altrettanti vescovi.
Alessio II, che oggi ne piange la morte, ha risposto con un secco 'niet' anche due anni fa quando il Papa si è offerto di riportare lui stesso a Kazan in Russia una preziosa icona della Madonna.
Di fronte a quest'ennesimo rifiuto il Papa ha donato lo stesso per interposta persona l'icona ad Alessio II nello scorso agosto ma nemmeno in quell'occasione il patriarca è stato particolarmente generoso: si è profuso in ringraziamenti ma ha anche sottolineato che quella veneratissima Madonna di Kazan donata dal Vaticano era soltanto «una delle copie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400