Venerdì 22 Gennaio 2021 | 18:19

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
HomeCovid 19
Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

Focolaio ad Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Il cardinale Camillo Ruini nell'omelia pronunciata nel corso della messa nella Basilica di San Giovanni in Laterano: il Papa già vede e già tocca il Signore

ROMA - «Egli in queste ore di sofferenza, come prima in tutto il suo instancabile ministero, già vede e già tocca il Signore. Già è unito al nostro unico Salvatore». Lo ha detto il cardinal Camillo Ruini nell'omelia pronunciata nel corso della messa nella Basilica di San Giovanni in Laterano.
«Giovanni Paolo II - ha detto Ruini - sta affrontando la prova più difficile della sua lunga e straordinaria vita, e la affronta e la vive con quella stessa intima serenità e abbandono fiducioso nelle mani di Dio con cui ha sempre vissuto, lavorato, sofferto, gioito. In queste ore, egli è più che mai il nostro Papa, il Vicario di quel Cristo che ci ha redenti con la sua passione, il servo dei servi di Dio, che è il titolo pontificio da lui tra tutti più amato».
La liturgia di oggi - sottolinea il cardinale - «ci parla della resurrezione, di Cristo risorto dai morti che si è fatto vedere e toccare dai suoi discepoli e così li ha condotti alla fede. Questa è anche la fede del nostro Papa. Una fede così forte e così piena, un'esperienza di Dio così intensamente vissuta».
La certezza e la gioia, rileva Ruini, «che danno il tono a tutta la liturgia di questa settimana si addicono, contrariamente alle apparenze, alla sofferenza del Papa e alla nostra preghiera per lui. Sono la certezza e la gioia della Pasqua del Signore, della vita che vince la morte, del perdono che cancella il peccato».
Perciò, «riandando con la memoria a questi quasi 27 anni di pontificato - dice Ruini - siamo afferrati da una gratitudine immensa verso l'uomo Karol Wojtyla e verso Dio che ce lo ha donato. E ora, mentre preghiamo per lui, ci affidiamo anche noi, come Lui, alla volontà del Signore, a quella divina misericordia, in cui Karol Wojtyla ha sempre confidato, a quella Madre di Gesù a cui Egli si è totalmente consacrato.
Così la nostra speranza - conclude il cardinale - non sarà delusa e il vincolo di amore che ci unisce al nostro Papa in ogni caso non sarà spezzato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400