Martedì 11 Dicembre 2018 | 02:16

GDM.TV

i più visti della sezione

Ruanda - Il genocidio del 1994

ROMA - I ribelli hutu ruandesi delle Forze Democratiche di Liberazione del Ruanda (Fdlr) hanno annunciato che rinunciano alla lotta armata e «a qualsiasi operazione offensiva» contro il Ruanda. Ecco un breve riepilogo dei principali avvenimenti da quando nell'aprile 1994 venne attuato un genocidio nel paese dei Grandi Laghi.
- 6 APR 1994: a Kigali (Ruanda), due missili terra-aria abbattono l'aereo con a bordo il presidente ruandese Juvenal Habyarimana, considerato dagli estremisti un hutu moderato, e il presidente del Burundi, Cyprien Ntaryamira. Meno di 30 minuti dopo l'attentato si scatenano i massacri per i quali erano state preparate per tempo le liste. In soli cento giorni vengono uccise 800 mila persone (tutsi e molti hutu moderati), 937.000 secondo dati forniti nel 2004 dal governo di Kigali.
- 22 GIU 1994: il Consiglio di Sicurezza dell' Onu autorizza il dispiegamento in Ruanda di una forza militare multinazionale a forte predominanza francese. L' operazione umanitaria Turquoise si conclude il 21 agosto.
- 4 LUG 1994: il Fronte patriottico ruandese (Fpr), tutsi, conquista la capitale Kigali. Il 19 luglio giura e si insedia il nuovo presidente della Repubblica, Pasteur Bizimungu, e il nuovo governo di unità nazionale.
- 8 NOV 1994: il Consiglio di Sicurezza dell'Onu nomina un Tribunale penale internazionale (Tpi) sui crimini e il genocidio in Ruanda. Il 26 giugno 1995 si insedia il Tpi. La sua sede è ad Arusha (Tanzania).
- 1994-1997: il genocidio e la guerra civile in Ruanda provoca un enorme flusso di profughi, oltre un milione, verso la Repubblica Democratica del Congo (Rdc, allora denominato Zaire) e nel tempo un loro parziale ritorno in Ruanda. Ciò provoca la destabilizzazione di tutte le regioni orientali congolesi, dove finisce col riflettersi l'ostilità tra hutu e tutsi.
- 1998-2002: il sanguinoso conflitto nell'Rdc, definito la «prima guerra mondiale africana», coinvolge ben sette stati, tra cui il Ruanda, e numerose milizie e etnie, causando oltre tre milioni di morti.
- 23 MAR 2000: si dimette il presidente Pasteur Bizimungu. Il 17 aprile è eletto presidente Paul Kagame, ex capo dei ribelli tutsi. Il 7 giugno 2004 un tribunale di Kigali condanna Bizimungu a 15 anni di carcere per aver creato una sua milizia.
- 24 APR 2003: il Parlamento adotta la nuova Costituzione, che - per la prima volta dal genocidio del 1994 - dota il Paese di una Camera dei deputati eletta a suffragio universale. Il 26 maggio un referendum con il 93% di sì approva la Costituzione.
- 25 AGO 2003: si svolgono le elezioni presidenziali. Votanti 96,5%. Il presidente uscente, Paul Kagame, è rieletto con il 95% dei voti. L'opposizione denuncia brogli e intimidazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca