Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 14:12

GDM.TV

i più visti della sezione

Sisma in Indonesia, un evento che non ha sorpreso gli esperti

ROMA - E' stato un evento che non ha sorpreso gli esperti, il terremoto avvenuto oggi nell'Oceano Indiano alla distanza di poco più di 200 chilometri dal punto in cui si verificò il terribile terremoto del 26 dicembre scorso. E' stato «un evento raro, ma non assurdo», ha detto il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Enzo Boschi.
La magnitudine è stata pari a 8.6, secondo le stime più recenti elaborate dall'università americana di Harvard sulla base di una rete di rilevamento mondiale. E' stato quindi un terremoto meno violento rispetto a quello del 26 dicembre scorso, «ma che ha comunque liberato una notevole quantità di energia», ha osservato Franco Mele, che sta seguendo l'evento dalla sala sismica dell'INGV insieme a Massimo Cocco.
«Non è stato ancora definito l'effettivo movimento della faglia - ha aggiunto - e non è ancora possibile fare valutazioni definitive in merito ad un eventuale tsunami». Per fare stime precise è infatti necessario avere a disposizione dati relativi alle caratteristiche della zona di scorrimento delle placche e del fondale: questi sono solo alcuni dei fattori che potrebbero condizionare l'entità e la direzione dell'ondata di maremoto.
Quello che è certo, ha detto Cocco, è il terremoto avvenuto oggi al largo di Sumatra è un evento «indipendente» rispetto a quello del 26 dicembre, anche se, ha osservato, «il meccanismo sorgente è del tutto simile a quello del sisma del 26 dicembre": entrambi i terremoti sono stati provocati dallo scorrimento delle due placche che formano i fondali tra oceano Pacifico e Indiano. «Non è sorprendente», ha proseguito, che un terremoto di questa intensità si sia verificato a tre mesi dall'evento del 26 dicembre scorso.
Secondo Boschi a scatenarlo sono state molto probabilmente le enormi deformazioni che il terremoto dello scorso 26 dicembre aveva provocato nella crosta terrestre, nella zona attorno alla faglia. Prevedere i terremoti non è possibile, ma i dati raccolti dagli esperti dell'INGV nella zona attorno alla faglia, ora in via di pubblicazione su una rivista scientifica internazionale, lasciavano pensare che un ulteriore terremoto sarebbe stato possibile. «Abbiamo misurato tutte le deformazioni avvenute nella zona attorno alla faglia per un raggio di mille chilometri. Si tratta di deformazioni enormi», ha detto Boschi.
Deformazioni della crosta terrestre, ha aggiunto, sono state misurate già per altri terremoti, ma «in nessun caso - ha aggiunto il presidente dell'INGV - si sono rilevate deformazioni di queste dimensioni». Certamente quello avvenuto oggi, secondo Boschi, «è un evento molto raro, ma assolutamente possibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo