Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 06:52

GDM.TV

i più visti della sezione

Chi era Rino Santilli

PESCARA - L'uomo che è salito nel pomeriggio sulla cupola della basilica di San Pietro a Roma, che soffre da anni di problemi psichici, Rino Santilli, 46 anni, aveva commesso un omicidio nel 1983 e, una volta condannato e rinchiuso nel manicomio giudiziario per scontare cinque anni di reclusione aveva anche tentato il suicidio salendo sul campanile di Giotto a Firenze.
L'omicidio avvenne la sera del 23 luglio 1983: mentre passeggiava per le vie del paese con alcuni amici, il sindaco, Giuseppe D'Ascanio (Psi), di 49 anni, fu chiamato da Rino S. - all'epoca 24enne e conosciuto da tutti in paese come un obiettore di coscienza - che lo invitò da parte per parlargli del piano regolatore del paese, ma all'improvviso estrasse un coltello e lo colpì 37 volte uccidendolo all'istante. Subito dopo il delitto, l'omicida fuggì sul Monte Morrone e si costituì tre giorni dopo ai Carabinieri ai quali affermò di aver agito per vecchi rancori personali. Quella del piano regolatore di Roccacasale era diventata, secondo quanti lo conoscono, una vera e propria mania per l'uomo: descritto come un introverso, chiuso, dall' umore spesso instabile, S. non perdeva occasione per discutere del piano e attaccare la giunta e il sindaco.
In primo grado S., nato a Caracas (Venezuela), venne condannato a dieci anni di reclusione, poi ridotti a cinque nel dicembre 1986: secondo la Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila, per la quale non sussisteva l'aggravante della premeditazione, l'uomo era incapace di intendere e volere al momento del delitto.
Durante la detenzione nel manicomio giudiziario di Montelupo Fiorentino (Firenze), il 15 ottobre 1988, Rino S. - all'epoca in regime di semilibertà - aveva minacciato di uccidersi, buttandosi dal campanile di Giotto a fianco del Duomo di Firenze se non gli fosse stato concesso di parlare con il sindaco Massimo Bongiankino. L'uomo venne fermato da un custode del campanile e da un agente di polizia, che avevano approfittato di un suo momento di distrazione per bloccarlo.
Attualmente l'uomo, che aveva lavorato in precedenza in un ospizio, non aveva un'occupazione e viveva insieme a entrambi i genitori (la madre infatti non è vedova come scritto in precedenza).
Adam Hanzelewicz

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia