Domenica 17 Gennaio 2021 | 02:02

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Unabomber - Il ministro delle Riforme, Roberto Calderoli: pena di morte a chi tocca i bambini

ROMA - «Chi pensa di toccare i bambini altro non può aspettarsi che la pena di morte». Lo sostiene in una nota il ministro delle Riforme Roberto Calderoli che ribadisce l'ipotesi di mettere una taglia su Unabomber. Ma, aggiunge Calderoli, «a fronte di riti abbreviati o di patteggiamenti la certezza della pena, quanto meno quella equa, inizia a vacillare e, quindi, nonostante in passato fossi stato contrario, inizio a ripensare se, per determinati delitti, quelli più efferati e crudeli, come quelli che hanno per bersaglio i bambini, non sia il caso di riconsiderare la pena di morte».
«Appare evidente a tutti il limite della pena di morte - aggiunge Calderoli - della via del non ritorno che presuppone, ma altrettanto evidente è il valore, in termini di monito, di una pena del genere e quindi in termini di prevenzione, visto che nel momento in cui uno si appresta a commettere un delitto di questo genere sa a che cosa andrà incontro».
«E' ora di finirla con l'ipocrisia - prosegue il ministro delle Riforme - Quando non si arriva ad una soluzione si deve ricorrere all'utilizzo di sistemi estremi e quindi, nel caso di Unabomber, non avendo sortito alcun effetto l'attività di indagine normale, può rivelarsi decisivo mettere una taglia con una cifra elevatissima che possa smuovere, se non per coscienza almeno per interesse, chi sa e continua a non parlare.
Tante volte, infatti - secondo Calderoli - l'avidità ha permesso di superare la paura e quindi, anche in questa situazione, l'esca può pagare, ma non basta». Per questo, spiega il ministro, poichè la certezza della pena «inizia a vacillare» è da ripensare se, «per determinati delitti, quelli più efferati e crudeli, come quelli che hanno per bersaglio i bambini, non sia il caso di riconsiderare la pena di morte. Per chi ha commesso 21 attentati di questo genere, per chi negli ultimi anni ha volutamente e continuamente preso di mira i bambini, con oggetti atti ad attirarli vigliaccamente in trappola, come evidenziatori, barattoli o ovetti di cioccolato, non può esserci giustizia, può esserci solo la morte».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400