Martedì 11 Dicembre 2018 | 18:33

GDM.TV

i più visti della sezione

Aperta una serie di inchieste

LECCE - È da alcuni anni oggetto di varie inchieste, ma soprattutto dall'epoca della sua trasformazione in Centro di permanenza temporanea, il centro Regina Pacis di San Foca di Melendugno, diretto da don Cesare Lodeserto e dipendente dalla Curia di Lecce. Dal dicembre scorso ad ogni modo il Centro di Lecce non è più un Cpt, su richiesta dello stesso arcivescovo di Lecce, mons. Cosmo Francesco Ruppi.
Oltre a due-tre indagini per maltrattamenti, per una delle quali don Cesare è già a giudizio, è in corso anche un'indagine sulla gestione dei fondi pubblici assegnati al Regina Pacis, indagine che ha coinvolto lo stesso mons. Ruppi, prosciolto dopo mesi di indagine nell'ottobre 2004.
Don Cesare è a giudizio, dinanzi ai giudici della seconda Sezione penale del Tribunale di Lecce, per presunti maltrattamenti a 17 maghrebini ospiti nel centro "Regina Pacis" di San Foca di Lecce. Imputate con Lodeserto sono altre 18 persone: volontari, operatori, carabinieri e medici in servizio nel centro. Per tutti l'accusa, a vario titolo, è di lesioni, abuso di mezzi di disciplina e falso. Il processo costituisce l'appendice di un'inchiesta avviata nel dicembre 2002 dal sostituto procuratore della Repubblica Carolina Elia, dopo la denuncia sporta da un gruppo di maghrebini su presunte violenze subite da parte di carabinieri e dei responsabili del "Regina Pacis", durante un tentativo di fuga del 23 novembre del 2002 messo in atto per evitare il rimpatrio.
Un'altra indagine - che sembra sia quella che oggi ha portato l'arresto - riguarda il fatto che don Cesare avrebbe cercato di trattenere nel Centro donne moldave che invece volevano allontanarsene.
Don Cesare Lodeserto e il Centro Regina Pacis in tutte le vicende che li hanno coinvolti hanno comunque sempre avuto la solidarietà di tutte le parti politiche: solo da parte dei gruppi di solidarietà con gli immigrati accompagnati spesso dal deputato dei Verdi Mauro Bulgarelli ci sono state varie manifestazioni contro l'attività del Centro. Dai partiti del centrosinistra qualche critica alla trasformazione in Centro di permanenza temporanea di quello che era nato come un centro di accoglienza e che tale è tornato dall'inizio del 2005.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie