Giovedì 25 Febbraio 2021 | 22:51

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Le lavoratrici precarie chiedono aiuto alle donne nelle istituzioni

GENOVA - Un cioccolatino al peperoncino è il dono che le lavoratrici precarie di NidiL CGIL, per festeggiare l'8 marzo, consegnano alle donne presenti nelle istituzioni. Un gesto gentile e un po' piccante accompagnato da un appello: «Non ti scordar di noi, siamo lavoratrici precarie sempre più esposte al rischio di esclusione sociale e a nuove forme di povertà. Ci rivolgiamo a te, in questo giorno simbolo di emancipazione, perchè le donne tornano a subire vecchie discriminazioni». Con questo appello le lavoratrici atipiche hanno voluto denunciare le discriminazioni subite e chiedono l'appoggio di tutte le donne presenti nelle istituzioni perchè siano approvate quelle poche misure sufficienti a soprusi e discriminazioni. Le collaboratrici superano il 46% dei 3 milioni di iscritti al Fondo Inps parasubordinati, un dato rilevante poichè in Italia le donne sono solo il 37,7% del totale degli occupati. Dopo 100 anni di storia sindacale si riaffacciano vecchie discriminazioni. Le collaboratrici guadagnano in media la metà degli uomini: circa 6.900 euro lordi l'anno contro 14.700 euro. Che fare? Sarebbe sufficiente che i compensi dei collaboratori fossero allineanti a quelli previsti dai contratti nazionali nel lavoro dipendente e rendere obbligatoria, anche per le collaboratrici in maternità, l'astensione dal lavoro e assicurare loro l'80% dell'ultima retribuzione. Obiettivi raggiunti da tempo ma che oggi per le collaboratrici sono futuro remoto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400