Sabato 15 Dicembre 2018 | 11:04

GDM.TV

I colleghi di Giuliana al Manifesto: «E' lei, è lei, ma oggi siamo tristi hanno ucciso un amico»

il Manifesto per Giuliana ROMA - «E' lei, è lei». Ai colleghi del Manifesto è bastato fissare, attraverso le immagini della diretta, lo sguardo dell' inviata del Manifesto per riconoscere la loro Giuliana, la donna forte e coraggiosa con la quale torneranno presto a condividere scrivania e momenti.
Tutta la redazione del quotidiano avrebbe voluto essere a Ciampino per riabbracciare la giornalista. Alla fine è andata solo una delegazione ristretta guidata dal direttore Gabriele Polo e da Valentino Parlato, ma l'emozione è stata la stessa. Il direttore ha tenuto un filo diretto con i giornalisti, comunicando per telefono parole ed emozioni.

«Giuliana è raggiante - ha raccontato il direttore - certo sedata e un po' stravolta ma c'è, è lei. Continua a ripeterci 'Grazie, grazie, grazie'». Ma non è il grazie che interessa ai colleghi del Manifesto. Era capire se un mese di sequestro e il tragico epilogo della liberazione avesse provato Giuliana fino a cambiarla. Eppure nonostante Giuliana sia viva, nonostante l'incubo sia finito, non si riesce a gioire veramente nella sede del quotidiano comunista: la morte del dirigente del Sismi Nicola Calipari, di un superpoliziotto guardato magari anche con sospetto prima del sequestro e diventato poi «un amico» strozza il sospiro di sollievo. «L'abbiamo vista finalmente - sintetizza lo stato d'animo il direttore editoriale Francesco Paternò - ma non si riesce a gioire. La cosa che colpisce è proprio questa: che non si riesce a gioire».

E' infatti una atmosfera sospesa tra stupore e gioia spezzata che si respira tra i colleghi dell'inviata, che oggi hanno chiesto in modo gentile ma fermo a telecamere e giornalisti di restare fuori dalla stanza delle riunioni, per un mese rimasta aperta a tutti con l' obiettivo di far parlare il più possibile di Giuliana. Ma oggi è diverso: l'emozione per il ritorno la vogliono vivere tra loro in attesa di viverla con Giuliana.
Un sentimento però è netto: la rabbia per gli americani. «Hanno sparato - dice il caporedattore Loris Campetti - più di 300 colpi contro l'auto e questo dice che quello è un paese occupato dagli americani, in cui si spara a qualsiasi cosa si muova. Almeno siamo grati agli americani che non hanno abbattuto l'aereo e Giuliana è finalmente tornata». Campetti parla con il volto: stringe i denti per trattenere la commozione quando in televisione vede l'inviata del Manifesto scendere a piedi dalla scaletta dell'aereo, alza il sopracciglio quando il Tg1 definisce «fatalità» la sparatoria americana. Ma alla fine sbotta: «E' stato ucciso un nostro amico, uno che in questo mese ci ha aiutato e ha salvato Giuliana». E questo amico, che non potranno però abbracciare come faranno con Giuliana, la redazione del Manifesto andrà ad accogliere stasera con una corona di fiori e per lui ha deciso di annullare la manifestazione di domani per festeggiare Giuliana all'Auditorium. Non è ancora tempo di gioire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori