Mercoledì 26 Febbraio 2020 | 05:10

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza: ma niente tifosi

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiL'indagine
Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

 
BariL'udienza
Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

 
TarantoI controlli
Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

 
FoggiaL'invito
Coronavirus, l'invito dell'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace»

Coronavirus, l'arcivescovo di Foggia: «Non scambiatevi il segno di pace a messa»

 
MateraIl concorso
Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

 
LecceL'operazione Camaleonte
Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

 
BatTeppisti
Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

 

i più letti

Possibile nuovo esame tracce coltello

PERUGIA – Le tracce genetiche trovate sul coltello considerato l’arma utilizzata per uccidere Meredith Kercher “potevano e dovevano” essere analizzate dai periti della Corte d’assise d’appello di Perugia. Lo ha detto il professor Giuseppe Novelli, docente di genetica umana all’Università Tor Vergata di Roma e consulente del pm. 

Oggi ha deposto in aula contestando le conclusioni degli esperti dei giudici perugini che hanno definito “non attendibili” i risultati degli esami della polizia scientifica. Arrivando alle loro conclusioni in base agli atti, dopo avere escluso di poter ripetere l’analisi. 

Riferendosi ai prelievi sul coltello, Novelli ha parlato di “tracce analizzabili”. “Oggi – ha aggiunto – abbiamo metodi e protocolli che ci permettono analisi anche di quantità inferiori, come accade anche per la diagnosi di malattie umane”. 

Il docente ha poi escluso la contaminazione del coltello e del gancetto indossato dalla Kercher quando venne uccisa. “La contaminazione – ha affermato – va sempre dimostrata, l’origine e chi l’ha trasportata”. Novelli ha poi spiegato che nei giorni in cui venivano esaminati i reperti, nei laboratori della scientifica erano esaminati centinaia di profili genetici relativi ad altri casi. Il docente ha detto di averli esaminati “uno ad uno” ma “nessuno” aveva caratteristiche compatibili con quelli della Kercher o di Sollecito.

BIOLOGA SCIENTIFICA ESCLUDE CONTAMINAZIONE REPERTI - Ha escluso la “contaminazione come fatto oggettivo” la biologa della Polizia scientifica Patrizia Stefanoni nel corso della sua deposizione davanti alla Corte d’assise d’appello di Perugia che sta processando Raffaele Sollecito e Amanda Knox per l’omicidio di Meredith Kercher. Secondo l’esperta “è provato” che sul gancetto del reggiseno indossato dalla vittima quando venne uccisa c'è il dna della studentessa inglese misto a quello di Sollecito. 

La Stefanoni ha terminato di rispondere alle domande della Procura generale. Sarà ora sentita dai difensori degli imputati. 

La biologa ha ricordato che nella casa dell’omicidio sono state repertate 133 tracce, 89 nella stanza del delitto. “In nessuna – ha spiegato – è stato isolato il profilo di Sollecito singolarmente”. La genetica forense ha quindi ricordato che il codice genetico dei due imputati è stato trovato solo su un mozzicone di sigaretta. “Se fosse trasmigrato – ha proseguito - nella stanza della vittima sul gancetto del reggiseno si sarebbe dovuto trovare anche il dna della Knox”.
Riguardo all’ipotesi avanzata dai periti della Corte che i reperti possano essere stati contaminati dalla polvere nella casa, la Stefanoni ha affermato che questa “si posa ovunque”. Su tutte le tracce analizzate – ha spiegato ancora la biologa - sono stati trovati solo i profili genetici dei due imputati e della vittima mentre nella casa vivevano anche altre due ragazze. 

La Stefanoni ha poi rivendicato la correttezza delle analisi compiute nei laboratori della Polizia scientifica. Il gancetto del reggiseno venne esaminato – ha spiegato ancora in aula - dodici giorni dopo l’analisi dell’ultima traccia di Sollecito, mentre il coltello considerato come l’arma del delitto è stato lavorato sei giorni dopo l’ultima traccia della vittima. 

“Nulla – ha ribadito la Stefanoni – è stato portato nella stanza di Meredith dall’esterno”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400