Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 17:02

GDM.TV

Fu uccisa e bruciata dal clan Di Lauro

NAPOLI - Con l'arresto in Slovacchia di Ugo De Lucia si stringe il cerchio intorno ai presunti autori del delitto di Gelsomina Verde. La ragazza di 22 anni fu uccisa per vendetta trasversale a colpi di pistola e poi bruciata nella sua automobile il 22 novembre scorso.
De Lucia era sfuggito al blitz del 7 dicembre scorso, quando furono fermati una cinquantina di affiliati ai clan in lotta e si era rifugiato in Slovacchia, a Podran, dove poi è stato arrestato.
Gelsomina Verde aveva appena 22 anni quando il 21 novembre scorso fu sequestrata, torturata e uccisa per poi essere bruciata. La sua unica colpa, secondo quanto è stato ricostruito dagli investigatori, era quella di aver frequentato l'uomo sbagliato, di essere considerata vicina ad un esponente della banda degli scissionisti, in lotta con la fazione del capocosca latitante, Paolo Di Lauro.
Ad uccidere Gelsomina sarebbero stati almeno in tre. Secondo gli investigatori l'intenzione degli assassini non sarebbe stata quella di uccidere la ragazza ma di costringerla a rivelare dove si trovasse il suo amico, Vincenzo Notturno, legato agli «scissionisti». Notizie che la ragazza non poteva riferire perché non sapeva nulla, ma gli uomini del commando non le hanno creduto e così l'hanno colpita più volte con pugni e schiaffi. La ragazza è diventata quindi una testimone scomoda. E a questo punto è maturata la decisione di ucciderla e di bruciare auto e cadavere, forse con l'intento di cancellare con il fuoco ogni traccia.
Il 26 novembre, quattro giorni dopo l'omicidio della ragazza era stato arrestato Pietro Esposito, risultato coinvolto nelle fasi preparatorie dell'omicidio. De Lucia, secondo le accuse di Esposito, sarebbe l'esecutore materiale del delitto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights