Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 09:13

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, 70 vigilantes a rischio nell’ex azienda del dg Arpal

Bari, 70 vigilantes a rischio nell’ex azienda del dg Arpal

 
HomeNel Tarantino
Grottaglie, trovato cadavere in un capannone: indagato per omicidio colposo titolare ditta edile

Grottaglie, trovato cadavere in un capannone: indagato per omicidio colposo titolare ditta edile

 
LecceSangue amaro
Rifiuti, sgominato traffico illecito anche a Lecce e Oria: 7 arresti

Rifiuti, sgominato traffico illecito anche a Lecce e Oria: 7 arresti

 
BrindisiIl caso
Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Il fratello di Turazza vittima della «mala del Brenta»

VERONA - Massimiliano Turazza, fratello di Davide, uno dei due poliziotti uccisi nel veronese, morì nella notte tra il 18 e 19 ottobre del 1994 a Fumane, un comune a 17 chilometri dal capoluogo scaligero, ucciso a colpi di pistola sotto casa per mano di un ex affiliato alla malavita del Brenta. L'agente, 29 anni, che lavorava nelle volanti, fu assassinato mentre stava identificando una persona sospetta davanti alla filiale della Banca Popolare di Verona.
Ad attirare l'attenzione dell'agente, che stava rientrando a casa in borghese, era stata la presenza di una sacca contenente armi che i banditi portavano con sé e che venne abbandonata dopo l'omicidio. La borsa conteneva un fucile a pompa senza calcio, una pistola calibro 28, un kalashnikov e numerose munizioni, con le quali si sarebbe dovuta attuare una rapina ad un furgone portavalori.

Per quest'episodio, la corte d'assise d'appello di Venezia ha confermato nel settembre del 1998 la condanna all'ergastolo per l'ex «pentito» della mala del Brenta, Alceo Bartalucci, ritenuto l'esecutore materiale dell'uccisione del poliziotto veronese. Bartalucci, all'epoca, avrebbe approfittato del programma di protezione per mettere a segno numerose rapine.

Ma questa non è stata l'unica tragedia a funestare in epoca recente la Questura di Verona. Due anni prima dell'omicidio di Turazza, il 14 marzo 1992, a morire in un conflitto a fuoco a Sommacampagna erano stati altri due agenti in servizio alla questura scaligera, Ulderico Biondani (29) e Vicenzo Bencivenga (30); in quell'occasione era morto anche un pregiudicato latitante Massimiliano Romano (24), calabrese. Durante un servizio di perlustrazione, i due poliziotti avevano incontrato per caso Romano e lo avevano seguito. Mentre il latitante si trovava nel corridoio di ingresso di una palazzina, nella quale abitava la fidanzata, i due poliziotti gli avevano intimato di fermarsi. Romano, che doveva scontare una pena di sei anni di reclusione per detenzione d'armi e stupefacenti, si era invece voltato di scatto, aprendo il fuoco contro i due agenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400