Sabato 16 Gennaio 2021 | 06:21

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Già a novembre un primo blocco di 17 ore

BOLOGNA - Il blocco del nodo autostradale di Bologna, in atto dalla tarda serata di ieri, provocato dall' esplosione di un'autocisterna carica di Gpl in seguito a un tamponamento, richiama l'episodio del 22 novembre scorso, che, sempre nel capoluogo emiliano, coinvolse un'autobotte e provocò la paralisi del traffico per oltre 17 ore.

Quel pomeriggio, poco dopo le 15.30, il gas liquido cominciato a uscire dalla botte dopo lo scontro con un furgone nel tratto di A14 che corre parallelo alla tangenziale, fra le uscite dell'aeroporto Marconi e del quartiere Lame, costrinse la società Autostrade per l'Italia e la Polstrada a chiudere man mano la A14 in tutto il tratto bolognese, da Casalecchio a San Lazzaro di Savena, la tangenziale, il ramo di collegamento tra Autosole e A14, ma anche la A13 Padova-Bologna da Ferrara all'uscita bolognese dell'Arcoveggio, per non gravare su una circolazione già molto intensa. Il traffico leggero e pesante si riversò così sulla via Emilia e sulla viabilità ordinaria, creando lunghi serpentoni di veicoli fino alla notte anche sui viali di circonvallazione che delimitano il centro cittadino, dove non è usuale vedere file di Tir in marcia a passo d'uomo.
Per molte ore fu mobilitazione generale di forze dell' ordine, polizia municipale, vigili del fuoco, con l'intervento di squadre specializzate giunte da Marghera e Ferrara per il travaso del gas, molto infiammabile e pericoloso. In serata vennero evacuati a scopo precauzionale due stabili, tra cui un hotel, situati a ridosso della tangenziale. L'emergenza cominciò ad allentarsi verso le 9 del mattino successivo, quando la A14 fu riaperta verso sud. Poco prima erano state gradualmente riaperte la A14 verso nord, la A13 e la tangenziale nei due sensi di marcia. Nella tarda mattinata del 23 novembre la circolazione in città aveva finalmente ripreso l'aspetto di tutti i giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400