Venerdì 14 Dicembre 2018 | 02:33

GDM.TV

Berlusconi: Un voto favorevole alla missione «sarebbe un'azione coraggiosa e utile a tutto il Paese»

ROMA - Un voto favorevole alla missione, ribadisce Berlusconi a Palazzo Madama, «sarebbe un'azione coraggiosa e utile a tutto il Paese». Ma l'appello del presidente del Consiglio non viene giudicato valido. E anche le contraddizioni interne al centrosinistra vengono liquidate da Prodi come normale dialettica interna. Un voto più compatto sarebbe stato «bulgaro», schiva la questione il leader dell'Unione, che nega anche la presenza di diverse linee all'interno dell'Ulivo. «Non la chiamerei una corrente, ma un ramo. Anzi -la liquida- un rametto».
In una lettera indirizzata al presidente del Consiglio, invece, il presidente emerito della Repubblica, Francesco Cossiga, chiede al governo di «promuovere una riunione con le forze dell'opposizione per verificare se sia possibile realizzare un'iniziativa comune» per un maggiore coinvolgimento dell'Onu e dell'Unione europea nella crisi irachena.
PREMIER, RISOLUZIONE ONU RESTA VIA MAESTRA
Nel suo intervento al Senato, Berlusconi si dice «incredulo» di fronte all'atteggiamento dell'opposizione. «dire no al rifinanziamento -avverte il premier- equivale a dire sì al ritiro, contro la decione dell'Onu». Inoltre, abbandonare l'Iraq proprio adesso che «democrazia e libertà stanno vedendo la luce», spiega, significherebbe «il tradimento delle speranze di milioni di iracheni per un futuro di pace, di libertà, di democrazia».
La risoluzione dell'Onu, avverte Berlusconi, resta «la via maestra» per la comunità internazionale e per l'Italia per risolvere la crisi irachena. Anche dopo le elezioni, dice nel suo discorso al Senato, «l'Italia non resterà a guardare». «La strategia per l'Iraq tracciata dal Consiglio di sicurezza dell'Onu -sottolinea- si sta attuando con assoluta puntualità. Noi condividiamo le parole di Annan sulla necessità di internazionalizzare la ricostruzione politica ed economica irachena e di accrescere il sostegno della comunità internazionale nel quadro del processo politico indicato a Sharm el Sheik».
PREMIER, BENE PROPOSTA FINI DI CONFERENZA INTERNAZIONALE
Berlusconi ricorda poi l'impegno per il paese già espresso dall'Ue e annuncia che la proposta del ministro degli Esteri, Gianfranco Fini, «per una nuova conferenza internazionale che consenta di affidare nuovi compiti e responsabilità alle organizzazioni internazionali e ai singoli Stati, è meritevole di essere discussa e sostenuta».
Per questo, il premier afferma di «non comprendere» il voto contrario di parte dell'opposizione e lancia un appello alla parte più moderata del centrosinistra affinchè trovi «il coraggio di votare a favore dei nostri soldati e della nostra missione». «Sarebbe -insiste il premier- un'azione coraggiosa e utile a tutto il Paese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO