Domenica 16 Dicembre 2018 | 04:25

GDM.TV

L'Iran non rinuncia ai suoi programmi

TEHERAN - L'Iran non rinuncerà al suo programma di ricerca con un reattore ad acqua pesante in cambio dell'offerta dei Paesi europei di fornirgli un reattore ad acqua leggera per le sue esigenze energetiche. Lo ha detto oggi il portavoce del ministero degli esteri, Hamid Reza Asefi, dopo un nuovo round di trattative tra la Repubblica islamica da un lato e Francia, Germania e Gran Bretagna dall'altro, svoltosi a Ginevra questa settimana.
«Guardiamo con interesse alla proposta europea - ha detto Asefi - ma essa non potrà convincerci a sostituire le nostre attività con il reattore ad acqua pesante».
Asefi ha detto che l'Iran non è nemmeno disposto ad abbandonare il suo programma di dotarsi di un ciclo per l'arricchimento dell'uranio, tecnologia che può essere impiegata sia per alimentare centrali per la produzione di energia elettrica - ciò che Teheran sostiene di voler fare - sia per costruire ordigni atomici. Anzi, il portavoce ha sottolineato che il suo Paese punta a diventare «uno tra i maggiori fornitori di combustibile (per le centrali nucleari) in 15 anni».

Intanto l'Iran ha denunciato oggi attività di spionaggio degli Stati Uniti, affermando che si tratta di «interferenze che violano le norme internazionali».
Ad una domanda in proposito rivoltagli durante la sua conferenza stampa settimanale, il portavoce del ministero degli esteri, Hamid Reza Asefi, ha confermato «gli arresti di alcune spie» che lavoravano per Washington, ma non ha voluto aggiungere commenti. «Spetta ai responsabili dei servizi di sicurezza fornire informazioni», ha aggiunto.
Asefi si è soffermato anche sui presunti sorvoli del territorio iraniano di aerei spia americani senza pilota, di cui ha parlato ieri il sito Internet Usa Drudgereport del giornalista Matt Drudge.
Tutte queste attività, ha detto il portavoce, «dimostrano quello che abbiamo sempre denunciato», cioè che gli Stati Uniti si rendono responsabili di «interferenze» in Iran e che nei confronti della Repubblica islamica perseguono «una politica sbagliata».
Ciò, ha proseguito il portavoce, rappresenta «una violazione dell'accordo di Algeri, in cui Washington si impegnava a non interferire negli affari interni iraniani».
L'accordo di Algeri fu firmato dagli Usa nel 1981 per ottenere la liberazione di 52 suoi diplomatici tenuti in ostaggio da oltre un anno in Iran dopo l'assalto all'ambasciata americana nel novembre del 1979.
Asefi ha aggiunto che l'Iran «ha offerto l'opportunità all'Europa (attraverso i negoziati avviati sul nucleare e altri temi) di provare la sua capacità sulla scena internazionale, facendo capire al loro alleato (gli Usa) che non deve scherzare con il fuoco».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini