Lunedì 18 Gennaio 2021 | 08:59

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

 
PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Lunardi: sulle sanzioni «mi atterrò alle disposizioni di legge»

ROMA - Sulle sanzioni «mi atterrò alle disposizioni di legge». E' quanto ribadisce il ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi in merito all'applicazione delle sanzioni previste dalla legge sul diritto di sciopero, la 146 del '90, nel caso di non ottemperanza all'ordinanza ministeriale. Lunardi ne ha parlato, a margine di un convegno, in relazione allo sciopero nazionale dei ferrovieri proclamato dai sindacati, dalle 21 di stasera fino alla stessa ora di domani, nonostante la precettazione del ministro avesse ridotto la protesta da 24 a 8 ore.
Le sanzioni in caso di inosservanza delle norme sugli scioperi nei servizi pubblici essenziali sono proporzionate alla gravità dell'infrazione con esclusione però del licenziamento e di «mutamenti definitivi» del rapporto di lavoro (come ad esempio il trasferimento e il licenziamento). Se la violazione è da addebitare al sindacato la Commissione di garanzia può sospendere i permessi sindacali e i contributi sindacali per la durata dell'astensione (vengono trattenuti dall'azienda ma versati all'Inps) per un ammontare che non può essere inferiore ai cinque milioni delle vecchie lire (circa 2.500 euro) nè superiore ai 50 (circa 25.000 euro). L'ammontare della sanzione pecuniaria tiene conto della violazione, della consistenza associativa e «della gravità degli effetti dello sciopero sul servizio pubblico». In caso di pregiudizio "grave e imminente" dei diritti della persona costituzionalmente tutelati il presidente del Consiglio, un ministro da lui delegato o il prefetto possono adottare un'ordinanza per il differimento dello sciopero, la riduzione della sua durata (come nel caso dell'ordinanza di Lunardi sullo sciopero di questa sera che riduce la durata da 24 a 8 ore) o la prescrizione dell'«osservanza di misure idonee ad assicurare livelli di funzionamento del servizio pubblico compatibili con la salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati». L'inosservanza dell'ordinanza da parte dei singoli prestatori di lavoro è assoggettata a una sanzione variabile da 500.000 a un milione delle vecchie lire «per ogni giorno di mancata ottemperanza». Le sanzioni sono irrogate con decreto della stessa autorità che ha emanato l'ordinanza e sono applicate con ordinanza-ingiunzione della Direzione provinciale del lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400