Sabato 16 Gennaio 2021 | 07:09

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Consiglio degli Ulema: «I rapimenti come questo distorcono e diffamano la resistenza del popolo iracheno all'occupazione americana»

BAGHDAD - I rapimenti come quello di Giuliana Sgrena, a dispetto delle dichiarazioni dei loro autori, «distorcono e diffamano la resistenza del popolo iracheno all'occupazione americana». Lo ha dichiarato stamani a Baghdad uno degli esponenti più autorevoli del Consiglio degli Ulema sunniti, sheikh Abdul Salam al Kubaisi.
Il religioso sunnita ha poi ricordato che il mese scorso il Consiglio degli Ulema aveva emesso una dichiarazione «contro tali azioni e affermando che non devono esserci rapimenti ai danni di giornalisti, ma molti gruppi dall'identità sconosciuta, alcuni dei quali non di natura politica, forse allo scopo di ottenere il pagamento di riscatti, hanno cominciato a compiere sequestri, sostenendo di farlo come parte della resistenza, il cui nome in realtà diffamano e distorcono».
Riferendosi all'ambiguo preannuncio di due giorni fa del rilascio dell'inviata del Manifesto da parte di un gruppo di supposti rapitori, sheikh al Kubaisi ha poi detto: «Abbiamo ancora i nostri dubbi e non sappiamo se quello che dicono è vero. Crediamo che nessun iracheno attuerebbe un rapimento del genere, soprattutto contro una giornalista che intendeva intervistare la gente di Falluja, vittima dell'occupazione americana».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400