Mercoledì 24 Aprile 2019 | 04:43

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Terrorismo o guerriglia? Cronaca d'uno scontro legal-istituzionale

ROMA - La sorte di Mohammed Daki al momento è incerta. Se il giudice di Milano negherà il nulla osta anche al provvedimento di espulsione firmato dal ministro dell' Interno, Pisanu, come ha fatto per il provvedimento del Prefetto di Como, il marocchino scarcerato oggi, per aver scontato la pena di un anno e 10 mesi per falsificazione di documenti e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, potrebbe uscire domani dal cpt di Milano. Il giudice di pace, competente per quanto riguarda il trattenimento in Cpt, non avrebbe motivo di autorizzarne oltre la permanenza nel centro.Queste le tappe della vicenda:

- 24 GENNAIO: il Gup di Milano, Clementina Forleo, assolve Mohammed Daki dal reato di terrorismo internazionale. La posizione di altri due accusati dello stesso reato è trasferita all'esame della magistratura di Brescia.
Daki è comunque condannato a un anno e dieci mesi per falsificazione di documenti e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. La sentenza crea scalpore. Il giudice sostiene, infatti, che Daki, insieme agli altri due imputati, non aveva programmato attività terroristiche che miravano «a seminare terrore indiscriminato» tra i civili ma semmai «attività di guerriglia» in concomitanza con la guerra in Iraq, senza violare i diritti umanitari. Sempre per il reato di terrorismo internazionale, il Gup ha revocato la custodia cautelare per gli altri due imputati di cui ha stralciato la posizione inviando gli atti per competenza a Brescia.

- 31 GENNAIO: Daki, che uscirà tra tre giorni, parla dal carcere di Como: «Attendo con ansia di uscire ma ho timore perchè non so, una volta fuori di prigione, cosa accadra». Il marocchino, che compirà 40 anni in marzo, dice di «non sapere nulla dell'invio di kamikaze» in Iraq. Ammette solo di aver dato ospitalità a Ciise Maxamed, detto il somalo, e coimputato nell'inchiesta sulla cellula ritenuta legata ad Ansar Al Islam. «Mi sono limitato a ospitare per un paio di giorni una persona che non aveva un posto dove dormire se non in moschea. E l'avrei fatto per chiunque perchè la religione islamica lo impone: c'è il dovere dell' ospitalità». Sostiene di aver conosciuto Ramzi Binalshibh, il pianificatore degli attentati dell'11 settembre alla Moschea di Amburgo e di non averlo mai ospitato a casa sua.

- 1 FEBBRAIO: il gip di Brescia, Roberto Spanò, rovesciando la sentenza del gup di Milano, Clementina Forleo, prevede la custodia cautelare per terrorismo internazionale nei confronti di due islamici, Kamel Hamroui e Noureddine Drissi coimputati nel processo con Daki. Il ministro dell'Interno, esprime soddisfazione per il provvedimento del gip di Brescia che, dice, «rasserena le donne e gli uomini delle forze dell'ordine quotidianamente impegnati nel difficile e rischioso lavoro di prevenzione e contrasto del terrorismo di matrice islamica».

- 3 FEBBRAIO: alle 7 di mattina Daki lascia il carcere di Bassone a Como. Il prefetto di Como chiede l'espulsione per Daki, che senza premesso di soggiorno, è a tutti gli effetti un clandestino. La questura dispone l'accompagnamento alla frontiera ma, come prevede la legge Bossi-Fini, chiede al giudice di pace la convalida del trattenimento in un centro di permanenza temporanea fino all'espulsione. Contemporaneamente chiede alla Procura di Milano il nulla osta all'espulsione.
Il gup Forleo decide di non concedere il nulla osta perchè l'assoluzione di Daki dal reato di terrorismo non è ancora definitiva, e se la procura presentasse appello alla sentenza del gup il marocchino dovrebbe affrontare altri gradi di giudizio. Nel primo pomeriggio il ministro Pisanu, quale autorità di pubblica sicurezza firma un altro decreto di espulsione per Daki. La motivazione è «grave turbamento dell'ordine pubblico e pericolo per la sicurezza dello Stato». La persona è considerata, infatti, «lesiva degli interessi essenziali al mantenimento di un'ordinata convivenza civile».

- 4 FEBBRAIO: il procuratore aggiunto di Milano, Armando Spataro valuterà la richiesta e invierà il suo parere sul secondo decreto di espulsione per Daki al gup Forleo, al quale spetta di nuovo la decisione. Al Viminale si sottolinea che, se il nulla osta non ci sarà, il giudice di pace non potrà convalidare il trattenimento nel cpt e Daki, seppur clandestino, potrà uscire dal centro e circolare liberamente in Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Maltempo a Bari, cade giù albero in via Adriatico

Maltempo sferza Bari, cadono alberi in via Adriatico

 
Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

 
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
Cinquanta giovani atlete pugliesidi fronte ai tecnici del settore nazionali

Cinquanta giovani atlete pugliesi
di fronte ai tecnici del settore nazionali

 
Nazionale seniores maschiletutto gira attorno a Bari

Nazionale seniores maschile
tutto gira attorno a Bari

 
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta