Martedì 26 Gennaio 2021 | 16:57

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariemergenza Covid
Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

 
PotenzaL'appello
Basilicata, riapertura scuole: «Sui trasporti serve massima attenzione»

Basilicata, riapertura scuole: «Sui trasporti serve massima attenzione»

 
FoggiaControlli dei CC
Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto. Altre persone sotto le macerie: 4 feriti gravi

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Il padre di Giuliana: «mia figlia è forte»

ROMA - «Ci tenevamo sempre in contatto. Giuliana telefona spesso, soprattutto quando è all'estero. L'ultima volta la scorsa settimana. Adesso aspettavamo una sua chiamata e invece...». Lo Franco Sgrena, il padre della giornalista italiana, Giuliana Sgrena, rapita ieri da un gruppo armato nella zona sunnita di Bagdad.

«Mi ha telefonato da Roma Giampiero Solari - racconta Franco Sgrena - il convivente di Giuliana. Poche parole, non c'era bisogno di spiegare. E quasi in contemporanea l'abbiamo appreso dalla televisione, lasciata poi sempre accesa. Non siamo mai rimasti soli, è arrivato mio figlio Ivan, mia nuora Claudia e gli amici». «Alle 14.05 - aggiunge il padre della giornalista - abbiamo avuto la conferma del rapito da parte della Farnesina, con la quale siamo in costante contatto».
I genitori di Giuliana Sgrena non vedevano la figlia da Natale. «Era stata qui per Natale - racconta il padre - un giorno e mezzo qui a casa e poi via, subito a Roma. Quando viene resta sempre poco. Sappiamo bene cosa significa il suo mestiere e i sacrifici che comporta».

Il padre della giornalista italiana rapita è fiducioso su come andrà a finire il rapimento: «Giuliana è una donna forte - conclude Franco Sgrena - ha esperienza. Saprà caversela. Conosce la lingua araba. Non credo abbia reazioni tali da innervosire i rapitori. Sono fiducioso, come tutti noi. E sappiamo che c'è tanta gente che sta lavorando per liberarla».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400