Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 17:02

GDM.TV

FIAT-GM: da oggi scenario aperto ad ogni iniziativa

TORINO - La fine della «mediation», cioè, il tempo che Fiat e General Motors si erano dati nel tentativo di arrivare ad una soluzione amichevole sulla questione della put option, il diritto di Torino di vendere l'intero settore dell'auto al gruppo di Detroit, lascia ora uno scenario aperto a qualsiasi tipo di iniziativa. Fiat e Gm, da oggi totalmente liberi, non hanno più obblighi o vincoli ad imbrigliare i loro «movimenti». Ciascuna delle due parti deciderà in piena autonomia e quando lo vorrà, la strada da percorrere per tutelare al meglio i propri interessi. Da questo momento non ci sono più scadenze da rispettare: il Lingotto, potrà, se vorrà, esercitare la put option «nei termini previsti dall'accordo» a partire da oggi ed in ogni momento per i prossimi 5 anni e più, esattamente fino al 24 luglio del 2010.

Da parte sua, anche la Gm potrà agire liberamente: potrà decidere di ricorrere al tribunale di New York, come previsto dal Master agreement firmato con la Fiat nel marzo del 2000, se continuerà a ritenere che Torino ha violato gli accordi originari, vendendo la maggioranza della Fidis e procedendo ad un aumento di capitale al quale GM non ha partecipato e, dunque, ritenendo modificato il «perimetro» dell'intesa del 2000.
Chi, nei giorni scorsi, negli ambienti imprenditloriali torinesi, aveva previsto l'evolversi della situazione tra Fiat e Gm, come si è verificata oggi, ne parlava, appunto, come di «un atto dovuto». E ricorreva al paragone con una causa di separazione tra due coniugi: è inevitabile, cioè, che all'inizio da entrambe le parti ci si mostri rigidi nelle proprie posizioni, altrimenti si rischia di non essere credibili. Allo stesso tempo, però, questo può consentire l'avvio di una trattativa, dove l'accordo finale non è per nulla da escludere. Tra Fiat e Gm, dunque, potrebbe aprirsi a partire da ora proprio questo scenario: liberi dai vincoli del processo di mediation, le parti potrebbero, comunque, tentare di arrivare ancora ad un'intesa, utile allo stesso modo per Torino e Detroit.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights