Giovedì 21 Gennaio 2021 | 14:52

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BariIl caso
Bari, cartelle pazze? No, dalla Asl 35mila avvisi a caccia dei furbetti del ticket

Bari, cartelle pazze? No, dalla Asl 35mila avvisi a caccia dei furbetti del ticket

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 

i più letti

Bojinov, una scoperta di Corvino

LECCE - Il direttore sportivo del Lecce, Pantaleo Corvino, lo vide giocare a Malta in un torneo giovanile e impazzì per quel calciatore tredicenne determinato e instancabile che scartava avversari e metteva in crisi i portieri avversari. Lo portò a Lecce dove il bulgaro Valeri Bojinov, nato a Goriahovitza il 15 febbraio 1986, ha vissuto nel seminario vescovile frequentando le scuole medie prima e le superiori poi, facendo la trafila in tutte le formazioni giovanili del Lecce sino alla Primavera.
Cavasin lo fece esordire in serie A il 27 gennaio 2002 in Lecce-Brescia che vide i salentini perdere per 3-1. La grande consacrazione l'ha avuta però quest' anno con Zeman che già in estate durante il ritiro di Cavalese lo apostrofò chiamandolo Chevanton quasi a ricordargli la responsabilità che aveva sulle spalle di far dimenticare l'attaccante uruguaiano.
L'anno scorso era stato convocato dalla nazionale bulgara facendo il suo esordio proprio contro l'Italia. Quest'anno è diventato titolare della sua nazionale e in campionato con il Lecce ha realizzato fino ad ora undici reti.
Giocatore molto rapido e imprevedibile nelle conclusioni, Bojinov gioca indifferentemente sia al centro che sulle ali ed è particolarmente abile nel gioco aereo. Oggi incontrando i giornalisti ha detto su Zeman: «Debbo tutto a lui. Mi consiglia, mi sprona, mi richiama. E' uno dei più grandi allenatori in circolazione». Poi ha ribadito di essere contento di stare con il Lecce fino a giugno. Il fatto però che, insolitamente, abbia dato la mano a tutti i giornalisti ha insinuato il dubbio che sapesse qualcosa o fosse stato quantomeno messo in preallarme dallo stesso Corvino su una sua imminente cessione alla Fiorentina.
La notizia è stata poi confermata dagli stessi vertici della società giallorossa e si è abbattuta come un fulmine sul club salentino anche perchè più volte Corvino aveva dichiarato che sino a giugno il Lecce non avrebbe ceduto nessuno dei suoi calciatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400