Venerdì 22 Gennaio 2021 | 19:33

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
Covid news h 24Al San Giacomo
Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

Covid, la denuncia della Lega: «A Monopoli niente test rapidi: bisogna andare a Bari»

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Le elezioni nelle principali aree dell'Iraq

BAGHDAD - Questo il punto sullo svolgimento dello scrutinio nelle diverse regioni dell'Iraq dove gli abitanti sono stati chiamati ad eleggere l'Assemblea nazionale costituente, i consigli provinciali e nel Kurdistan, nella zona settentrionale del paese, un parlamento autonomo.
BAGHDAD
Gli abitanti di Baghdad hanno votato in clima violenza con sette attentati suicidi con più di 12 persone uccise anche se non tutti i kamikaze sono riusciti ad entrare nei seggi- Quattro persone sono rimaste uccise colpite da un colpo di mortaio nel quartiere sciita di Sadr City mentre si trovavano all'interno del seggio.
Un attentato suicida davanti alla residenza del ministro della Giustizia Malek Dohan Al-Hassan provoca la morte di una guardia del corpo e il ferimento di quattro persone.
TRIANGOLO SUNNITA
Sono in pochi ad aver votato nelle città del triangolo sunnita, Ramadi a ovest, Baghdad ad est e Tikrit a nord. Nelle città considerate roccaforti della guerriglia che ha dichiarato guerra alle elezioni, per scelta o per paura gli abitanti non sono andati ai seggi. Le strade di Falluja (60 chilometri a ovest di Baghdad), dove in novembre gli americani hanno lanciato un'offensiva che ha sbaragliato la guerriglia, le strade sono rimaste deserte. Solo qualche decina di persone è andata a votare oltre ai soldati e ai poliziotti iracheni che pattugliano la città.
A Samarra (120 chilometri a nord di Baghada ) e a Tikrit la partecipazione è stata quasi nulla. A Samarra le strade erano deserte e il sindaco Taha Hussein sin dalla prima mattina ha detto che «per ragioni di sicurezza le elezioni non si sarebbero tenute». In alcuni seggi non vi erano neppure gli impiegati.
CITTA' SCIITE
Gli sciiti iracheni, a lungo emarginati e oppressi, si sono affollati davanti ai seggi nelle città del centro-sud dove sono la maggioranza della popolazione. A Najaf, a sud di Baghad, la gente ha fatto la coda davanti ai seggi aperti alle 07.00 (05.00 ora italiana). stessa situazione a Bassora, la seconda città del paese.
TRIANGOLO DELLA MORTE
Cinque persone sono state uccise e 14 sono rimaste ferite per l'esplosione di una bomba a bordo di un autobus che trasportava elettori sunniti nella zona a sud di Baghdad, ormai chiamata il triangolo della morte.
Quattro ore dopo l'inizio ufficiale della consultazione, i seggi non erano stati ancora aperti nella città di Latifiyah, Mahmudiyah e Yussufiyah. Nel pomeriggio il colombiano Carlos Valenzuela, rappresentante dell'Onu presso la commissione elettorale ha detto che «il problema era stato risolto».
PROVINCE SETTENTRIONALI DI TAMIN E NINIVE
Gli elettori hanno votato in massa nelle regioni di Tamin e Ninive nonostante i timori di attacchi a Kirkuk e Mossul.
Una persona è stata uccisa a Mossul, ma nonostante il clima di incertezza e di paura per le minacce delle scorse settimane ha votato un buon numero di elettori. A Kirkuk curdi e turcomanni sono andati ad esercitare il diritto di voto, mentre le urne sono state disertate dagli arabi.
PROVINCIA AUTONOMA DEL KURDISTAN
I curdi iracheni si sono affollati questa mattina davanti ai seggi in tutta la zona della provincia autonoma del Kurdistancon la speranza che per loro, a lungo oppressi dal regime, si apra una nuova era e, dopo l'autonomia, i curdi possano ottenere anche l'indipendenza e uno stato sovrano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400