Giovedì 25 Febbraio 2021 | 22:47

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Clan Strisciuglio: eseguita sentenza della Cassazione

BARI - Una sentenza della Corte di Cassazione ha reso definitive le condanne inflitte nel corso della cosiddetta operazione Sant'Anna, del luglio del 2001, quando fu arrestata una trentina di persone che, secondo gli investigatori, agivano agli ordini del clan Strisciuglio. Tra gli altri, all' epoca, fu arrestato il figlio 26enne di un esponente della famiglia, considerato il vero obiettivo dell' agguato in cui fu ucciso Michele Fazio, il ragazzo di 16 anni che tornava a casa dal lavoro. Il provvedimento cautelare è stato notificato stamattina ad una ventina di persone.
Con questa sentenza la Corte di Cassazione - è stato sottolineato dagli investigatori - ha sancito che a Bari esiste un'associazione mafiosa denominata clan Strisciuglio.

Le accuse formulate dagli inquirenti, a vario titolo, nei confronti delle persone arrestate sono associazione di tipo mafioso aggravata dalla disponibilità di armi, contrabbando di sigarette (dal momento che le indagini risalgono agli anni '99-2000), detenzione di armi, associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e spaccio.
Il primo reato, associazione di tipo mafiosa - è stato ancora detto - è connesso a episodi di sangue in cui è coinvolto il clan Strisciuglio. I componenti del clan in quanto tale - secondo gli inquirenti - sono responsabili di vari omicidi che, ad oggi, sono stati confermati da sentenze di primo grado. Tra gli altri, sono stati condannati all' ergastolo Domenico Strisciuglio per l'omicidio di Nicola Ranieri avvenuto nel quartiere di Carbonara nel '98, Sigismondo Strisciuglio per l'omicidio di Vincenzo Caruso, avvenuto nel '98 sempre a Carbonara.

Anche se nelle ordinanze notificate oggi non sono contestati omicidi (questo giustifica l'entità delle pene non particolarmente pensanti) - è stato ancora sottolineato - viene acclarato che i componenti del clan Strisciuglio - come viene confermato anche da altri filoni processuali - sono coinvolti nella maggioranza dei fatti di sangue, o come protagonisti o come vittime, avvenuti negli ultimi anni, dal '98 ad oggi.
Ad uno degli arrestati, Nicola Faccitondo, di 31 anni, di Carbonara, il provvedimento è stato notificato a Viterbo dove l' uomo si trovata per aver accompagnato la moglie di uno dei capi del clan nel carcere per avere un colloquio con il marito.
Marina Bianchi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400