Lunedì 10 Dicembre 2018 | 14:10

GDM.TV

i più visti della sezione

Maltempo, la mappa dei danni all'agricoltura

ROMA - «Serre e piante di vigneti e oliveti crollate sotto il peso della neve, timori per danni da gelo ad agrumi e ortaggi non protetti, ma soprattutto animali isolati senza cibo nelle arre interne e sulle montagne degli Appennini e perdita del latte munto nelle stalle per l impossibilità di consegnarlo alle industrie a causa delle strade bloccate». E' questa la situazione nelle campagne causata dal maltempo che si sta abbattendo con danni ancora indeterminabili per l'impossibilità di raggiungere molte imprese agricole e allevamenti di pecore e bovini colpiti in Basilicata, Campania, Marche, Molise, Abruzzo e Umbria. Ecco la prima mappa dei danni nelle campagne, tracciata dalla Coldiretti, nell'attesa che nei prossimi giorni sia possibile una stima attendibile.
- BASILICATA: Neve ovunque e disagi per gli allevamenti a causa dell'impossibilità di consegnare il latte prodotto e per la difficolt di approvvigionamento di alimenti per gli animali; per questo la Coldiretti ha chiesto ai Prefetti, in previsione del miglioramento del tempo nel fine settimana, di liberalizzare la circolazione degli automezzi per soccorrere gli allevamenti isolati. Gravi i danni alle serre orticole nella zona di Picerno e ai frutteti della Valdagri. L'organizzazione agricola si sta adoperandosi per creare convenzioni con i Comuni per l'utilizzazione dei trattori agricoli per liberare le strade innevate.
- CAMPANIA: Neve intensa nelle zone ortofrutticole dell'avellinese e del salernitano, si registrano danni alle serre e ai tunnel di ortaggi aggravati dal peso della neve. Nel salernitano per il gelo problemi ad agrumeti. Per gli allevamenti del Cilento sotto la neve difficolt per le consegne del latte prodotto e per la distribuzione del cibo per gli animali. Coldiretti ha espresso alle autorità la disponibilità delle imprese a coadiuvare i Comuni nella pulizia della viabilità interna.
- MARCHE: La neve è giunta fin sulla costa. La Coldiretti ha registrato gravi disagi nell'alto pesarese, nei monti Sibillini e nell'entroterra ascolano. In queste aree difficoltà soprattutto per gli allevamenti bovini isolati da più giorni, nell'impossibilità di consegnare il latte alle centrali e di potere distribuire alimenti agli animali. Danni anche alle strutture (serre ortofrutticole nell'anconetano e nel pesarese) aggravate dalla neve. Timori per le colture invernali in campo aperto (spinaci, cavolfiori, verze, insalate) a forte rischio se dovessero arrivare le gelate.
- UMBRIA: Nevica in tutta la regione, isolate le zone montane (Colfiorito, Nocera, Gualdo Tadino, Valnerina) con difficoltà soprattutto per le aziende zootecniche isolate. Fastidi nella circolazione interna anche per il ghiaccio sulle strade nelle ore della mattina. A Colfiorito i trattori delle aziende agricole della Coldiretti sono in movimento per liberare le strade dalla neve.
- MOLISE: In provincia di Campobasso le nevicate hanno distrutto decine di migliaia di piante di ulivo. La neve caduta, ricca di acqua e quindi ad alto peso specifico insieme alle temperature rigide, ha sovraccaricato le piante che hanno subito spaccature profonde con perdita strutturale di lungo periodo. Rischio perdite nelle produzioni olivicole future.
- SICILIA: Neve a bassa quota, gelate e temperature rigide con danni che la Coldiretti ha a monitorare. Nell'agrigentino a Canicatt (Agrigento) per il peso della neve crollate le strutture viticole; a Ribera, vento, pioggia e grandine hanno provocato la caduta di arance e pregiudicato il raccolto; colpiti anche i carciofeti di Licata. Strutture viticole crollate anche a Grottarossa (Caltanissetta). Nell'area di Corleone e Marineo (Palermo) gli ortaggi sono sotto la neve e non possibile quantificare le perdite. Nel Catanese, tra Scordia e Palagonia, danni al grano che rischia di morire per "asfissia radicale". Gli agrumeti nel catanese hanno subitò bruciatura apicale e cascola dei fruttì. Intanto a Ragusa per la prima volta sono stati impiegati i trattori per sgomberare le strade dalla neve e ripristinare la viabilità.
- CALABRIA: Tutta le zone interne in particolare del catanzarese, del cosentino e del crotonese nella morsa del gelo con ampie zone sotto la neve. Molte le aziende irraggiungibili e si registrano difficoltà nei sopralluoghi per le verifiche degli interventi necessari. Dai primi rilievi sono stati registrati registrato danni alle strutture (serre, capannoni, ricoveri per gli animali). La Coldiretti ha messo a disposizione, attraverso i propri soci, i mezzi agricoli per lo sgombro della neve dalle strade interne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti