Venerdì 15 Gennaio 2021 | 22:16

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Addio alla donna-oggetto

ROMA - La donna oggetto, quella taglia 42, tutta tacchi a spillo e labbra siliconate, è fuori moda. Al suo posto rinasce la donna-soggetto, taglie preferite 46 e 48, che indossa mocassini e aborrisce le diete. Lo afferma l'Eurispes. Il rapporto presentato oggi riporta i contenuti di un'indagine su come si vedono le donne realizzata da centri specializzati su questioni femminili, inglesi ed americani, su un campione di 3.200 donne di diverse nazionalità fra le quali italiane, argentine, brasiliane, francesi, olandesi, americane.
L'immagine principale delle italiane, in linea con le donne degli altri paesi, è quella della semplicità (37%), si sentono carine (26%). Il loro aspetto è nella media (12%). Appena il 2% si sente bella.
E' evidente, afferma l'Eurispes, che per le italiane, e non solo per loro, è passato il periodo delle beauty victim, le vittime della bellezza. Le donne sono per la real beauty, «la bellezza reale, in nome della quale possono essere rappresentate addirittura le vecchie, le bruttarelle, le grasse, le piatte-come-una-tavola, le lentigginose, tutte però con il sorriso delle vincenti stampato sul volto. Il sorriso della propria sicurezza». Nel confronto internazionale, solo le brasiliane si staccano, sia pure di poco, dalla generale debacle femminile: il 6% di esse di definisce bella contro una percentuale media del 2,2%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400