Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 16:19

GDM.TV

i più visti della sezione

Arrestato Abu Omar, l'uomo di al Zarqawi noto come il «mago delle autobomba»

BAGHDAD - Si chiama Mohammed Said al Jaf, noto anche come Abu Omar al Kurdi, lo stretto collaboratore di Abu Musab al Zarqawi il cui arresto è stato reso noto ufficialmente oggi da un portavoce governativo a Baghdad. Abu Omar - è stato specificato - è responsabile di 32 attentati compiuti con autobomba e in particolare quello contro la sede dell'Onu del 2003.
L'annuncio - in un comunicato del portavoce del premier Iyad Allawi a nome del Consiglio dei ministri - riguarda la cattura di due persone considerate luogotenenti di Zarqawi, il terrorista giordano considerato il capo di al Qaida in Iraq.
Oltre a Abu Omar al Kurdi è stato arrestato anche Hassan Hamad Abdallah Mohsen al Duleimi, definito «responsabile della propaganda della rete terroristica di Zarqawi». Entrambi gli arresti sono avvenuti alcuni giorni fa, uno il 15 e l'altro il 14 gennaio. L'annuncio sembra chiarire un comunicato diffuso in precedenza, in cui si parlava più genericamente di un luogotenente di Zarqawi arrestato, del quale si faceva il nome di battaglia di Abu Hilal.
«Abu Omar el Kurdi è responsabile di 32 attentati con autobomba», ha detto il portavoce governativo, aggiungendo che «Hassan al Duleimi ha confessato ai servizi segreti che Zarqawi aveva nominato Abu Omar el Kurdi responsabile degli attacchi ai seggi elettorali a Baghdad». «Abu Omar al Kurdi - è stato specificato - ha ammesso la sua responsabilità in circa il 75 per cento delle autobomba esplose a Baghdad dall'aprile 2003», ovvero dalla caduta del regime di Saddam Hussein.
Il comunicato elenca dettagliatamente gli attentati commessi da Abu Omar al Kurdi. Tra questi figura l'attacco alla sede dell'Onu di Baghdad, che provocò la morte di 22 persone, quello all'ambasciata di Giordania e l'uccisione del leader religioso sciita Mohammed Baker al Hakim, tutti del 2003.
Abu Omar al Kurdi si è assunto la responsabilità anche di alcuni dei più sanguinosi attacchi contro forze di sicurezza irachene. Nel comunicato si fa riferimento anche ad altri arresti importanti nel mese di gennaio per quanto riguarda la lotta al terrorismo, di cui comunque si era già avuta notizia. Particolarmente significativa la cattura a Ramadi, nel triangolo sunnita, di Abdel Sattar Ismail «che comandava una cellula di 60 miliziani».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo