Giovedì 21 Gennaio 2021 | 12:53

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Barinel Barese
Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

Casamassima, è ai domiciliari ma spaccia dal balcone: 19enne arrestato 2 volte in 3 giorni

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
FoggiaIl caso
Foggia, rubati gasolio e attrezzi nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco

Foggia, rubati gasolio e attrezzi nella nuova caserma dei Vigili del Fuoco

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 

i più letti

Il ministro per gli Affari regionali, La Loggia, a Bari

Enrico La Loggia BARI - Il ministro per gli Affari regionali, Enrico La Loggia, ha partecipato a Bari ad una serie di incontro elettorali ed è intervenuto sui principali temi del dibattito politico in atto.

GLI ELETTORI "MODERATI" DEL CENTROSINISTRA
«Non lasciatevi ingabbiare dalle lusinghe, dalle promesse della sinistra estrema del vostro schieramento, c'è spazio anche nel nostro per poter garantire pienamente i vostri principi e i vostri valori, e una sana e saggia rappresentanza del vostro territorio. Pensateci su». È l'invito che il ministro degli Affari regionali, Enrico La Loggia, ha fatto stamani a Bari, partecipando ad un incontro elettorale, agli elettori del centro del centrosinistra, dopo i risultati delle primarie della Gad in Puglia che hanno decretato vincitore il pupillo di Bertinotti, Nichi Vendola. Un esito che secondo La Loggia potrà «sicuramente agevolare il cammino del centrodestra sia nelle suppletive che nelle prossime regionali».
«Sicuramente Fitto - afferma La Loggia - ne verrà avvantaggiato e di molto rispetto alla candidatura di Vendola». «Sono convinto - ha aggiunto - che tutti gli elettori di centro, nella tradizione che ha questo territorio di esprimere candidati di centro moderati, penso ad Aldo Moro, a Lattanzio, a Dell'Andro, vogliano, proseguire su questo cammino».
La Loggia si è detto convinto che «tutti gli elettori di centro, penso a quelli della Margherita che si troveranno realmente in difficoltà dopo questa scelta che è avvenuta alle primarie, vogliano cominciare a dare un segnale, scegliendo tra l'altro l'uomo del territorio e non una persona che viene da fuori, imposta dalle burocrazie di partito. Con la vittoria di Vendola alle primarie tutti gli elettori di centro si saranno sentiti un po' penalizzati da questa scelta e quindi avranno modo di rifarsi votando per i candidati di centro della Cdl».

IL PROBLEMA LISTE NEL CENTRODESTRA
«Francamente non c'era mai stato il problema e non c'è. In Puglia c'è un accordo totale della Cdl, dentro FI, tra FI pugliese e FI nazionale. Realmente non c'è stato e non c'è nessun problema. Anzi ci compiacciamo di questo». Il ministro degli Affari regionali, Enrico La Loggia, a Bari per sostenere la candidatura al collegio senatoriale di Bari 2 del forzista Lello De Gennaro, commenta la vicenda della lista, aggiuntiva a quelle dei partiti della Cdl, che il presidente della Regione Puglia, il forzista Raffaele Fitto, intende presentare alle prossime regionali.
«Credo che sulla lista civica di Fitto si sia parlato anche un po' troppo. Credo che talvolta anche problemi non così importanti - ha aggiunto - vengano trattati con grande evidenza; non solo in Puglia naturalmente, ma da tutto il contesto nazionale».

REGIONI: FATE UN SISTEMA ELETTORALE SEMPLICE
«Fate un sistema elettorale che sia quanto più semplice, quanto più facile, per far esprimere il loro consenso ai cittadini». È l'invito alle Regioni impegnate nel varo delle nuove leggi elettorali fatto dal ministro agli Affari regionali, Enrico La Loggia, a Bari per un incontro elettorale.
«Noi stiamo lavorando a livello nazionale - ha ricordato La Loggia - per una modifica del sistema elettorale nazionale proprio in questo senso». «Sono modifiche tecniche ma sono modifiche anche importanti perché - sostiene La Loggia - quando noi sosteniamo la necessità di avere una scheda per esprimere il proprio voto e un segno solo da mettere in una sola scheda, semplificando quindi il compito dell'elettore, credo che diciamo una cosa che sia assolutamente condivisibile e che spero venga accettata non soltanto, come è ovvio, dalle forze di maggioranza ma anche dall'opposizione». «In fondo, se creiamo un servizio al cittadino rendendogli più facile il compito di esprimere la propria opinione, credo che il cittadino - ha concluso La Loggia - non potrà che essere soddisfatto».

PRIMARIE? SOLO CON REGOLE CERTE E LEGGI PER AVERE RISULTATI CERTI
«Solo se riusciremo a trovare delle regole certe, legislativamente affermate, cioè leggi che possano con chiarezza indicare quale possa essere il metodo, ma solo in questo caso, potremmo cominciare a parlare di primarie». Lo ha detto il ministro degli Affari regionali, Enrico La Loggia, partecipando a Bari ad un incontro elettorale e commentando l'esperienza delle primarie che il centrosinistra ha tenuto proprio in Puglia.
«Diversamente - ha aggiunto La Loggia - è soltanto una ripetizione di campagna elettorale, una spesa in più, un coinvolgimento di una minoranza organizzata e non dei cittadini così come dovrebbe essere e come è in un sistema consolidato». «Per esempio il sistema americano, che delle primarie - ha aggiunto - ha fatto una vera e propria via per la democrazia. Ma lì non ci sono i partiti organizzati come sono da noi. Qui da noi abbiamo i partiti organizzati, sono previsti dalla Costituzione, svolgono un eccellente ruolo, di rappresentanza, di coinvolgimento, di partecipazione da parte dei cittadini». Fare le primarie in presenza di un sistema di partiti organizzato come quello esistente in Italia secondo La Loggia «è realmente una anomalia». «Di tutto si può discutere: possiamo anche introdurre le primarie, ma dobbiamo prima modificare diverse cose nel nostro sistema democratico in maniera tale - ha concluso La Loggia - che quando si dovessero fare i risultati siano certi, chiari, leggibili, trasparenti, senza possibilità né di dubbi né di polemiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400