Martedì 18 Dicembre 2018 | 13:05

GDM.TV

i più visti della sezione

Ruini: «L'astensione dal voto al referendum sulla procreazione assistita è prevista dal legislatore»

cardinale Camillo RuiniBARI - Indicando ai cattolici l'astensione dal voto al referendum sulla procreazione assistita «non c'è il timore di delegittimare i cattolici italiani o le istituzioni italiane» perchè la via dell'astensione «è una via prevista dal legislatore italiano con la quale lo strumento referendario viene provato dalla partecipazione o meno al voto».
E' più chiaro e parla per la prima volta esplicitamente della «probabile via dell'astensione» dal voto il presidente della Cei, card. Camillo Ruini, nella conferenza stampa che ha concluso a Bari i lavori del Consiglio episcopale permanente. Nell'assise i vescovi si sono occupati del Congresso eucaristico nazionale che si terrà nel capoluogo pugliese dal 21 al 29 maggio prossimo, al quale è annunciata anche (per il 28 e il 29) la partecipazione del Papa.
ASTENSIONE E DELEGITTIMAZIONE - Ruini non teme «assolutamente» che indicando la via dell'astensione si possano delegittimare i cattolici italiani e le istituzioni italiane. «Assolutamente questo timore non c'è in alcun modo - dice - perchè nel caso si scelga quella via (dell'astensione, ndr) è una via prevista dal legislatore italiano con la quale lo strumento referendario viene provato dalla partecipazione o meno al voto. Non c'è alcuna preoccupazione nè alcuna intenzione di delegittimare nè alcun timore che sia delegittimata la presenza dei cattolici italiani». Sul referendum «ho detto - ha voluto precisare - che sceglieremo le vie che appariranno più efficaci per respingere queste proposte referendarie che riteniamo gravemente peggiorative della legge. Questa è stata la mia indicazione. Quella dell'astensione è una probabile via».
DIRITTO E DOVERE DI INTERVENIRE - «La Chiesa non soltanto ha un diritto ma ha un dovere di esprimersi su tematiche come queste» legate al referendum. «La Chiesa come tale, e questo è l'epilogo da sfatare - sottolinea il cardinale -, non si pronuncia soltanto sui principi» ma anche «sul concreto dei provvedimenti che possano avere un'implicazione morale e antropologica. Se ci sono provvedimenti che hanno grande implicazione morale e antropologica sono evidentemente questi».
NESSUN MOTIVO DI SCONTRO - Viene chiesto a Ruini: 'Non teme che la posizione espressa dalla Cei sui referendum possa radicalizzare il confronto e provocare effetti che possano andare oltre l'argomento trattato?'. «Non vedo nessun effetto che debba andare oltre», replica il presidente della Cei: «Questa domanda sugli effetti - afferma - se la potranno porre le forze politiche che hanno proposto il referendum».
TIMORI DI SCONFITTA - «La sconfitta certamente è possibile - dice Ruini - ma non abbiamo il timore di questo. Può accadere questo ma io non voglio fare assolutamente previsioni sull'esito; non sono le previsioni sull'esito quelle che possono determinare il giudizio morale».
APPELLO AI MEDIA - «L'unico auspicio» del cardinale Ruini «è che dai mezzi di comunicazione sia dato spazio adeguato sia a chi è di una posizione sia a chi è dell'altra posizione». «Non tocca a noi porre regole - ha detto - ma eventualmente all'autorità civile». «Noi affronteremo questo dibattito con totale serenità ma anche con grande chiarezza».
NO A MODIFICHE PARLAMENTO - «Soluzioni - ha ribadito Ruini - che facessero decadere il referendum dovrebbero naturalmente accogliere le istanze proposte dai referendum stessi, altrimenti, ovviamente, i referendum non decadono. Siccome queste istanze sono, a nostro giudizio, gravemente peggiorative della legge stessa, ho detto: 'A queste noi ci opponiamò».
MA RUINI VOTERA'? - «Il mio comportamento - ha risposto evasivo il presidente della Cei - sarà ovviamente quello che riterranno di proporre coloro che avranno le responsabilità specifiche in questa circostanza».
PRESERVATIVO - Infine, la questione legata alla posizione della Chiesa sull'uso del preservativo in funzione anti-Aids che per Ruini resta un «problema molto difficile e delicato». «La posizione dei vescovi italiani - ha concluso il presidente della Cei - è sempre stata in piena consonanza con quella della Santa Sede».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto