Domenica 17 Gennaio 2021 | 08:23

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Anche i vescovi francesi erano d'accordo

CITTA' DEL VATICANO - Già nel 1996 i vescovi francesi presero una posizione analoga a quella resa nota ieri dall'episcopato spagnolo in tema di preservativo, prevenzione ed Aids. Una posizione che fece parlare di apertura della Chiesa, ma che ricevette anche un secco «no comment» del Vaticano.
In effetti, i vescovi francesi spiegarono di aver voluto avere un «approccio critico» al problema del preservativo nella prevenzione dell'Aids, affermando che la loro posizione, «esagerata» dalla stampa, era di «morale sociale e pubblica», cioè a dire, che non consigliavano a nessuno di usare i profilattici contro l'Aids.
«Molti medici competenti affermano che il preservativo di qualità affidabile è attualmente l'unico mezzo di prevenzione. A questo titolo, esso è necessario». È quanto scrisse nel febbraio 1996 l'allora presidente della commissione episcopale francese, monsignor Albert Rouet, nel capitolo centrale di «Sida: la societè en question», un documento della commissione sociale dei vescovi francesi sul problema dell'Aids in relazione alla società.
Nel testo lo stesso Rouet scriveva che l'uso del profilattico è comprensibile «per i casi in cui un'attività sessuale già integrata alla personalità ha bisogno di evitare un rischio grave», ma bisogna ricordare che «questo mezzo non fa parte di un'educazione sessuale adulta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400