Martedì 11 Dicembre 2018 | 00:44

GDM.TV

i più visti della sezione

Liste del Presidente alle regionali, Fitto va avanti col suo progetto

BARI - Non si è sentito telefonicamente con Berlusconi, forse lo farà domani. Di certo il presidente della Regione Puglia, il trentacinquenne Raffaele Fitto (Fi), il più giovane presidente delle Regioni italiane, ex "protesi" del presidente del Consiglio dei ministri, va avanti con la lista e i risultati del vertice di oggi della Cdl non lo convincono proprio a fare un passo indietro.
Nel suo ufficio, sul lungomare di Bari, in serata legge le agenzie e decide di parlare e di rendere chiara la sua intenzione di proseguire nel progetto. «Mi sembra che da Roma per quanto mi riguarda - dice all' Ansa - non ci sono proprio novità». E spiega il perchè: «Non ho mai posto un problema collegato alla necessità di avere all' interno del simbolo obbligatoriamente il nome, e la lista non è mai stata messa in discussione dai partiti della coalizione della Puglia che hanno sempre condiviso tutto. Quindi il richiamo giunto da Roma non può che farmi piacere perchè qui in Puglia tutto è stato fatto già da tempo in piena condivisione». «Per cui - aggiunge - non mi resta che proseguire su questo lavoro e predisporre nei prossimi giorni anche tutti gli aspetti ultimi di carattere organizzativo. Sicuramente - assicura - ci saranno tutti i simboli della Cdl insieme con me. Stiamo muovendoci in piena sintonia».
Come si chiamerà la lista? «Bella domanda. Sicuramente - risponde - nei prossimi giorni avremo modo di rappresentarlo in modo adeguato. Ma non c'è dubbio - sostiene - che questa lista avrà un progetto politico di grande rilievo». Fitto precisa che condurrà la campagna elettorale «insieme alle forze politiche della Cdl e insieme a questa lista che farà parte integrante della Cdl e che allargherà i confini della Cdl». «La faremo - fa presente - sulla base di un programma e soprattutto sulla base di un lavoro che è quello svolto in questi anni».
Fitto afferma che durante la campagna elettorale non inviterà a votare una lista ne inviterà gli elettori a votare un partito della coalizione: «Io - dice - sono il candidato di tutti i partiti della coalizione, quindi sono espressione di tutte le liste che contribuiranno alla mia rielezione». E il rapporto con Fi? «E' un rapporto - afferma Fitto - di componente di Fi, come è noto. Ho avuto modo di parlarne diffusamente anche nei giorni scorsi con Berlusconi: per quanto mi riguarda vi è una esigenza di predisporre questa lista che trae origini da ragioni differenti rispetto alla ipotesi o al rischio che è stato ventilato di conflittualità». E ripete: «Questa lista è una lista chiusa alle forze politiche del centrodestra».
Fitto il 30 dicembre lo aveva promesso a Berlusconi: la lista in Puglia non porterà il proprio nome e sarà aperta solo a chi non è del centrodestra, ai delusi del centrosinistra e a chi, soprattutto, non si è mai cimentato con la battaglia politico-elettorale. Su questa lista il governatore ha incassato in Puglia il pieno sostegno di tutti i partiti della Cdl.
«Abbiamo commesso un errore nei mesi scorsi, durante le elezioni provinciali, che è stato quello di dividerci, di perdere tempo, e l' abbiamo pagato molto caramente, ora - dice - abbiamo creato le condizioni per recuperare questa compattezza e anche il tema della mia lista è stato portato all' attenzione dei coordinatori regionali della Cdl, illustrato a loro e, oserei dire, concordato con loro».
Nessuna parola sicuramente è stata detta contro la lista proposta dal governatore della Puglia il 22 novembre scorso quando Fitto ha comunicato ufficialmente ai segretari regionali del centrodestra la volontà di presentare una propria lista alle elezioni regionali di quest' anno. E nessuno ha avuto nulla da dire il 4 dicembre, alla convention del centrodestra pugliese, quando è stata ufficialmente formalizzata la candidatura di Fitto. Ma la proposta di Fitto di presentare una sua lista alle regionali del 2005 è datata agosto 2004. Sin da allora ha chiarito la sua posizione, affermando che la sua lista avrebbe aumentato i consensi. E anche allora nessuno ha parlato. Il reclutamento oggi è in una fase avanzata. Fitto ha incassato e ufficializzato il sì dell' ex presidente ulivista della Provincia di Foggia, Pellegrino, e del segretario provinciale di Bari dell' Udeur, Albore. Si appresta a presentare nei prossimi giorni gli aspetti organizzativi e il simbolo della lista e a procedere alla ufficializzazione ulteriore delle candidature più importanti, oltre a quelle già rese note.
Luisa Amenduni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca