Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 12:31

GDM.TV

I penalisti disertano la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario

ROMA - I penalisti disertano la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario e contestano i contenuti della relazione del procuratore generale della Cassazione, Francesco Favara, soprattutto il riferimento all'«abuso del processo».
«Nella relazione c'è una concezione autoritaria del processo, secondo cui le garanzie devono essere minime - sottolinea il presidente dell' Unione delle Camere penali, Ettore Randazzo - noi contestiamo che vi sia un abuso del processo; ci sono invece dei tempi morti dei procedimenti di cui il procuratore non parla e che non hanno nulla a che vedere con le garanzie degli imputati».
«I diritti di libertà - aggiunge il leader dei penalisti - non possono essere soppressi. Ci sono invece degli errori del sistema giudiziario che noi abbiamo il dovere di eccepire e che vanno risolti anche con l'aumento delle risorse».
E' la seconda volta che i penalisti non partecipano alla cerimonia che segna l'inizio dell' anno giudiziario: «Non vogliamo legittimare con la nostra presenza una cerimonia che è improntata a un messaggio deviato - ha ribadito Randazzo - quello secondo cui la disamina delle disfunzioni e dell' attività giudiziaria è affidata al rappresentante dell' accusa piuttosto che al giudice».
«Senza mai citare il Giusto Processo e utilizzando toni esageratamente allarmistici come "epidemia del crimine" e "vittimizzazione di massa" (peraltro, in contrasto con gli stessi dati riportati), la relazione del Pg, quanto alla giustizia penale, appare il manifesto di una idea autoritaria e regressiva». In un documento, la giunta dell'Unione delle Camere penali conferma la bocciatura della relazione del Pg della Cassazione già espressa dal presidente Ettore Randazzo. E critica i "colleghi" del Consiglio nazionale forense che, diversamente dai penalisti, hanno partecipato alla cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario. «Dopo aver bilanciato due visioni altrettanto deformanti del processo penale (l'una etica, l'altra efficientista) il Pg ne enuclea una ancor peggiore, nella quale la funzionalità si raggiunge solo a scapito delle garanzie». In questo modo, lamentano i penalisti, «vengono occultate le vere cause della durata dei processi e si disinforma sul ruolo effettivamente esercitato dalla difesa». Il tutto «al fine di sostenere inaccettabili richieste di modifica del sistema, volte solo alla restaurazione di un processo scarsamente garantito».
Proprio nel tenore di questa relazione gli avvocati vedono «la riprova della fondatezza delle nostre critiche a una cerimonia fatalmente improntata alla visione repressiva della giustizia penale, poichè dà voce soltanto all'organo di accusa. Proprio per questo avremmo preferito - sottolineano - non vedere sfilare, quali silenziosi figuranti, i rappresentanti istituzionali dell'avvocatura».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi Il sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights