Venerdì 14 Dicembre 2018 | 21:35

GDM.TV

A caccia di segreti su Titano

Cassini Saturno, spazio Il nuovo anno, per l'esplorazione planetaria, inizierà davvero in grande stile, con un'impresa che si sta per compiere a milioni di chilometri dalla Terra, nei paraggi di Saturno. Protagonista una doppia missione, quella delle sonde Cassini e Huygens, frutto della collaborazione tra Nasa americana, Esa europea e Asi italiana. Il 14 gennaio la sonda Huygens, tenterà infatti la discesa su Titano, una della lune di Saturno; sganciata lo scorso Natale dalla più grande sonda Cassini, che porta il nome dell'astronomo ligure di Perinaldo, Huygens dovrà effettuare in due ore e 15 minuti la discesa nell'atmosfera di questa luna che i ricercatori paragonano alla Terra allo stato primordiale, quando si formarono le prime forme elementari di vita.
Huygens, realizzata da un gruppo di aziende europee, pesa 320 chilogrammi e trasporta sei strumenti scientifici che dovranno analizzare e rilevare le caratteristiche e le dinamiche dell'atmosfera di Titano durante la discesa. Se la sonda riuscirà a sopravvivere all'impatto con la superficie, si procederà anche ad analizzare le proprietà fisiche dell'ambiente circostante.
Di dimensioni superiori a quelle del pianeta Mercurio, questa luna di Saturno presenta un'atmosfera nebulosa ricca di azoto che contiene composti basati sul carbonio. Dal punto di vista chimico ricorda in effetti la Terra primordiale, sebbene sia più freddo (fino a meno 180 gradi centigradi), e su di esso si pensa siano presenti distese ghiacciate e laghi. I risultati raccolti direttamente sulla superficie, combinati con le osservazioni globali derivanti dai passaggi su questo corpo celeste della sonda orbitale Cassini, dovrebbero aiutarci a comprendere l'evoluzione dell'atmosfera primordiale del pianeta Terra e fornirci importanti indizi sui meccanismi che hanno portato alla comparsa della vita sul nostro pianeta.
Nel frattempo, per tutto il 2005, la sonda orbitante Cassini, che continuerà a ruotare nel sistema di Saturno, procederà nel suo ricco programma scientifico, che prevede almeno 76 orbite attorno al pianeta e 52 incontri ravvicinati con sette dei 31 satelliti noti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori