Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 11:02

GDM.TV

i più visti della sezione

Scoperta una necropoli del neolitico

TARANTO - Quanto l'intero territorio di Taranto sia stato interessato dal periodo neolitico lo testimonia il ritrovamento di quello che forse si può considera uno dei più grandi insediamenti di quel periodo scoperti in Italia.
Il ritrovamento, completo di una grande necropoli, è avvenuto alla periferia della città a ridosso del cantiere per la costruzione del nuovo arsenale della Marina Militare, in località Chiapparo, ed è interessato anche da lavori per le infrastrutture viarie al suo servizio.
«Per un caso i lavori in corso nel cantiere non hanno toccato questo sito», ha detto Maria Antonietta Gorgoglione, della soprintendenza ai Beni archeologici di Taranto.
Tuttavia, ha aggiunto, l'importanza del ritrovamento è tale che «stiamo avviando un provvedimento di tutela». Al ministero dei Beni Culturali è stata, nel frattempo, inviata una relazione sulle caratteristiche della necropoli, che risale al periodo compreso a cavallo fra V e IV millennio.
Numerosi i resti umani rinvenuti nel sito. «Sono di grandissima importanza, anche alla luce del fatto che i resti neolitici presenti in Italia sono rari», ha osservato l'esperto di paleomedicina Gaspare Baggieri, del servizio di Antropologia del ministero dei Beni Culturali.
Già da un primo esame, ha osservato Maria Antonietta Gorgoglione, i resti rinvenuti nella necropoli testimoniano la presenza di forme di sepoltura rituale. Gli individui venivano infatti sepolti rannicchiati, in posizione fetale. Alcuni sono stati sepolti in nicchie artificiali, chiuse da una doppia lastra di pietra, come un bambino e un adulto seppelliti l'uno vicino all'altro. Tutelare un sito come questo, ha rilevato ancora, è indispensabile per poter condurre «un'indagine sistematica». Per proteggere l'area da infiltrazioni di acqua, la soprintendenza ai Beni Archeologici di Taranto propone di chiudere il sito durante l'inverno per riaprire gli scavi in primavera, avviando un'indagine sistematica.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia