Venerdì 14 Dicembre 2018 | 07:33

GDM.TV

Kofi Annan: ci vorranno 10 anni per ricostruire

NEW YORK - Una settimana dopo la peggiore catastrofe naturale degli ultimi 40 anni, il segretario di Stato americano Colin Powell è partito per l'Asia devastata da terremoti e maremoti alla testa di una delegazione americana che comprende anche il fratello del presidente George W. Bush, il governatore della Florida Jeb Bush.
Powell si recherà in Thailandia e Indonesia, forse nello Sri Lanka. Il 6 gennaio sarà a Giakarta per un vertice di paesi donatori dell'Asean da cui dovrebbe scaturire un nuovo appello per ulteriori fondi a favore deelle popolazioni sinistrate.
L'appello verrà lanciato dal segretario generale dell'Onu Kofi Annan, anche lui in partenza per la capitale indonesiana: intervistato dalla rete tv americana Abc Annan ha pronosticato che la ripresa dopo gli tsunami potrebbe assorbire le risorse internazionali per un decennio.
«Per alcune aree ci potrebbero voler dieci anni prima di risollevarsi», ha detto Annan mentre su un altra rete televisiva il senatore repubblicano Richard Lugar ha prospettato agli Usa la possibilità di una spesa di alcuni miliardi di dollari per contribuire alla ripresa dell'Asia.
SOLDI BEN SPESI PER SICUREZZA NAZIONALE - Powell non ha fornito cifre ma non ha escluso che l'entità dell'impegno americano potrà aumentare: «Siamo di fronte a uno dei più vasti sforzi di soccorso in risposta a una delle peggiori catastrofi che il mondo abbia mai visto», ha detto il segretario di stato alla Nbc difendendo da un lato la dimensione e i tempi della risposta dell'amministrazione Usa, dall'altra il crescente impegno degli Stati Uniti nell'operazione di assistenza.
«Sono soldi ben spesi, sono un investimento per la nostra sicurezza nazionale: la povertà alimenta il fondamentalismo che a sua volta alimenta il terrorismo», ha detto Powell alla Cnn in risposta alle critiche arrivate dall'interno e dall'estero alla reazione della Casa Bianca. Gli Stati uniti, dopo un'iniziale stanziamento di 15 milioni di dollari, sono arrivati a mettere a disposizione dei sinistrati 350 milioni di dollari e Powell ha assicurato che sarà solo l'inizio.
LOS ANGELES TIMES, PARTA BUSH - L'impegno americano era stato criticato nei giorni succesivi ai tsunami e le polemiche negli Usa non accennano a fermarsi: oggi il 'Los Angeles Times' si è chiesto in un editoriale perchè sia stato Powell e non il presidente Bush a partire per l'Indonesia per una «visita di rispettose condoglianze».
«Il presidente segue da vicino la situazione dagli Usa. L'ha seguita fin dall'inizio molto da vicino. La situazione in quei paesi è delicata e non è opportuno che visite ad alto livello tengano impegnate le piste di atterraggio dove devono approdare gli aiuti», ha detto Powell.
Con altrettanta determinazione Powell ha difeso l'entità della reazione Usa al disastro: «In sette giorni abbiamo mobilitato il gruppo di battaglia di una portaerei e un gruppo di battaglia anfibio. Elicotteri americani trasportano assistenza. Abbiamo offerto 350 milioni di dollari. Abbiamo mobilitato il settore privato. La reazione è aumentata via via che la scala del disastro diventava più evidente».
ONU CHIEDE AIUTI LOGISTICI - Finora l'Onu ha rastrellato due miliardi di dollari da una quarantina di paesi per l'assistenza ai sinistrati ma le Nazioni Unite hanno adesso bisogno di altro aiuto per far arrivare a destinazione le scorte umanitarie. «La compassione internazionale non è mai stata su questa scala», ha detto Egeland, aggiungendo tuttavia che «l'assistenza che le forze armate di alcuni paesi ci stanno fornendo è preziosa quanto l'oro».
Egeland ha spiegato che il cibo e le medicine che affluiscono nella regione in migliaia di convogli incontrano «strettoie logistiche causate da aeroporti sovraccarichi e da altri «colli di bottiglia». Il capo degli aiuti di emergenza dell'Onu ha fatto un elenco di attrezzature elaborato in teleconferenza con i rappresentanti del gruppo di nazioni guidato dagli Usa che include anche India, Australia e Giappone: si tratta di elicotteri e navi porta-elicotteri, unità di controllo del volo, mezzi anfibi, aerei cargo, tende per il personale umanitario, unità di purificazione dell'acqua , generatori e kit medici.
Alessandra Baldini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO