Domenica 16 Dicembre 2018 | 00:02

GDM.TV

Notte di San Silvestro più mesta in tutta Italia

ROMA - Pochi botti, cene tra le mura domestiche, festeggiamenti discreti: sarà un Capodanno con la sordina quello che gli italiani si apprestano a festeggiare domani sera. Già appesantito da una difficile situazione economica, il clima nel Paese si è fatto decisamente mesto dopo la tragedia provocata dal maremoto nel sud est asiatico. Beninteso, le bottiglie di spumante o champagne si stapperanno lo stesso, a Cortina si riapriranno le seconde case, molti hanno persino confermato le prenotazioni fatte partendo per paradisi esotici che si trovano negli stessi Paesi flagellati dal terribile Tsunami, ma non è tempo di euforia. Tante le amministrazioni comunali che, sotto l'incalzare delle notizie di cronaca, hanno deciso di rinunciare alle consuete feste di piazza o, almeno, ai fuochi d'artificio. Accogliendo l'invito dell'arcivescovo, Severino Poletto, il Comune di Torino ha annullato i festeggiamenti che si sarebbero dovuti svolgere nella centrale piazza Castello. Lo stesso ha fatto Pisa che, d'accordo con tutti i promotori, devolverà le somme raccolte alle vittime della catastrofe. Si trasformerà in un'iniziativa di solidarietà a favore della città-stato di Pondicherry, in India, devastata dal maremoto, la festa di San Silvestro in programma domani notte a Urbino mentre nella Capitale non si spareranno dalla terrazza del Pincio i consueti fuochi di mezzanotte. Candeline accese al posto dello spettacolo pirotecnico previsto a Verona mentre gli amministratori di Venezia che non sono riusciti a fermare la macchina dei festeggiamenti, hanno chiesto agli organizzatori e ai protagonisti delle feste in piazza di riservare un minuto di silenzio e di raccoglimento alle vittime del maremoto in Asia sensibilizzando gli spettatori alla tragedia. E probabilmente la lista di coloro che sceglieranno toni sommessi per la notte di San Silvestro è destinato a crescere. Intesaconsumatori chiede agli italiani di rinunciare ai botti donando la somma destinata al loro acquisto alle popolazioni asiatiche terremotate.
Anche il Capodanno televisivo sarà meno gridato. E pure i vip brinderanno senza troppi clamori: Marta Marzotto e Daniela Santanché, protagoniste della mondanità nostrana, organizzeranno feste in casa in tono minore con pochi parenti e amici. «Non c'è voglia di festeggiare. Quel terremoto è stata la fine del mondo» afferma la Marzotto e l'onorevole Santanché è convinta che sia meglio starsene a casa propria « a riflettere sui valori della vita». Capodanno austero anche per la stilista Lavinia Biagiotti che si concede appena tre giorni sulla neve prima di rituffarsi nel lavoro.
Insomma, come afferma l'Osservatorio di Milano, il Capodanno somiglierà tanto al Natale: calerà del 30% la partecipazione alle feste di piazza mentre raggiungerà l'80% la percentuale di coloro che saluteranno il nuovo anno brindando tra le pareti di casa. E anche se sono 8 milioni gli italiani in movimento in questi giorni di fine anno, l'Osservatorio di Milano invita a non farsi trarre in inganno dai numeri: per il 70% si tratta di persone che si recano da parenti e amici o nella seconda casa per dire addio in intimità al 2004, anno bisesto e, alla luce dei fatti, davvero funesto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini