Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 02:36

GDM.TV

i più visti della sezione

Tsunami - Esperti Usa: basso rischio epidemie ma è emergenza acqua potabile

LOS ANGELES - I peggiori nemici delle popolazioni del sudest asiatico sopravvissute al maremoto sono l'acqua contaminata e l'affollamento nei punti di raccolta dei senza casa. E non, come si potrebbe ipotizzare, epidemie di malattie infettive per l'enorme quantità di corpi in decomposizione in attesa di sepoltura. Lo assicurano gli esperti americani di medicina dei disastri dei Cdc (Centers for Disease Control and Prevention) di Atlanta.
«Un focolaio di malattia infettiva, e in particolare le epidemie, sono molto, molto rari dopo un disastro naturale -dice Mark Keim al Los Angeles Times- si tratta di un'idea sbagliata che ha la gente. Non si verificano dopo i terremoti, nè dopo gli uragani, nè dopo gli tsunami».
SERVONO 20 LITRI DI ACQUA POTABILE A PERSONA OGNI GIORNO
E' quindi l'acqua potabile uno dei problemi principali per le popolazioni del sudest asiatico sopravvissute al maremoto. «Dobbiamo assicurare almeno 20 litri a persona al giorno», dice Dana van Alphen, consulente regionale nel Programma catastrofi della Pan american Health organization, aggiungendo però che «non si sa come garantirla, perchè alcune zone sono inaccessibili. Le strade sono chiuse e portare acqua con gli elicotteri è molto difficile, costoso. L'acqua -considera infine- è pesante».
«Se la gente ha sete, berrà qualsiasi genere di acqua disponibile», avverte dal canto suo il presidente degli infettivologi americani Martin Blaser. E se epatite, colera e febbre tifoide sono malattie endemiche nell'area colpita dallo tsunami, c'è il rischio che soprattutto bambini e anziani si trasformino in vulnerabili vittime di infezioni respiratorie, favorite dall'affollamento nei campi di fortuna organizzati per i senzatetto.
L'allarme acqua è stato lanciato anche dall'Unicef. Milioni di persone rischiano di contrarre una malattia, ha sottolineato il Fondo delle Nazioni unite per l'infanzia, se non si provvederà al più presto a fornire acqua potabile alle vittime dello tsunami nel sudest asiatico. Secondo quanto affermato dal direttore esecutivo dell'Unicef, Carol Bellamy, l'acqua stagnante può essere pericolosa tanto quanto il maremoto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia