Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 05:53

GDM.TV

i più visti della sezione

Rientrati Maldini e Zambrotta

MALPENSA (VARESE) - Il primo volo che ha riportato a casa turisti italiani dalle Maldive, dopo il disastroso maremoto che ha colpito il sud est asiatico, è atterrato poco dopo le 2 all'aeroporto di Malpensa. Al terminal 2, con il volo Lauda Air, sono arrivati 171 passeggeri: 70 che dovevano già rientrare in Italia (fra i quali il capitano del Milan Paolo Maldini e lo juventino Gianluca Zambrotta) e altri che sono tornati poco dopo essere giunti alle Maldive.
Le prime testimonianze parlano di «tanta paura» per l'acqua che ha improvvisamente inondato l'aeroporto di Male e di «tanta stanchezza» per le oltre dieci ore di attesa prima dell' imbarco per il rientro.
Chi è salito a bordo del volo Lauda Air aveva lasciato le isolette circa mezz'ora prima del disastro per cui è stato colto dalle ondate solo una volta arrivato allo scalo di Male.
«L'aeroporto è rimasto chiuso dieci ore, era affollatissimo e la marea ha invaso velocemente la pista, che è stata subito bloccata» ha raccontato, dopo l'atterraggio a Malpensa, il comandante Waclaw Sieczkewski, polacco.

«Abbiamo visto solo il finale dell'onda, l'aeroporto era tranquillo, forse la zona più tranquilla di Male». Così ha risposto il capitano del Milan, Paolo Maldini, ai giornalisti che lo attendevano all'aeroporto di Malpensa, al rientro dalle Maldive con il primo gruppo di turisti scampati al terribile maremoto.
Maldini, che viaggiava con moglie e figlio, è rientrato questa notte con il volo Lauda Air, e ha ricordato: «è successo quello che avete visto, io ho visto la pista inondata e nient'altro. Più che altro abbiamo poi visto tutto alla televisione. Paura? Non abbiamo avuto tempo di aver paura».
Il capitano rossonero ha detto di essere riuscito comunque a comunicare con la famiglia attraverso sms.
Sullo stesso volo viaggiava anche lo juventino Gianluca Zambrotta: «Le vacanze sono state tranquille - ha detto - Solo due ore prima di partire si è allagato l'aeroporto e così siamo rimasti fermi tante ore».
Anche Zambrotta ha ricordato di aver visto solo la pista allagata. «Noi eravamo tranquilli - ha ricordato -, di quello che è successo abbiamo visto solo le immagini alla CNN. Non ci rendevamo conto di quel che era accaduto. Ma tutto sommato mi sembra che all'aeroporto fossero tutti abbastanza tranquilli».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia