Venerdì 14 Dicembre 2018 | 11:35

GDM.TV

Sri Lanka, bilancio provvisorio delle vittime

COLOMBO - Sono almeno 2.134 le persone rimaste uccise dall'ondata di maremoto che si è abbattuta sulle coste dello Sri Lanka, secondo quanto hanno reso noto fonti ufficiali a Colombo.

PAIYAGALA (SRI LANKA) - Waruna Premachandra guardava la televisione, domenica, quando ha sentito intorno a lui la gente che correva e gridava «il mare sta invadendo la terra». La prima onda era relativamente poco alta, ma subito dopo Waruna, un cameraman televisivo, ha udito un enorme boato e l'acqua lo ha travolto costringendolo a trovare rifugio sul tetto. «Ho visto le case e gli alberi sradicati e portati via dalla corrente verso l'interno», ha raccontato l'uomo, 35 anni, dalla sua abitazione di Paiyagla, 50 chilometri a sud di Colombo, la capitale. Alcune onde gigantesche, tsunami provocate da un terremoto con epicentro al largo dell'Indonesia, si sono abbattute improvvisamente sulla costa dello Sri Lanka, una meta molto frequentata dai turisti in questo periodo dell'anno. L'ultimo bilancio parla di oltre 2100 morti, provocate da un'onda killer che ha distrutto alcuni villaggi presso Trincomalee, nel nord est, ed è poi discesa verso sud e verso ovest lungo le coste dell'isola. La strada principale che collega la capitale è stata bloccata da pezzi di case, di alberi, di veicoli accatastati alla rinfusa gli uni sugli altri. A centinaia di metri all'interno, alcune imbarcazioni di pescatori sono state portate dal mare e sono rimaste adagiate sulla terra, quando le acque si sono ritirate. Le rotaie della linea ferroviaria che collega il sud dello Sri Lanka a Colombo in alcuni punti sono ridotte a mozziconi di metallo o totalmente scomparse. Della stazione ferroviaria di Paiyagala, come di molti altri edifici, non restano che macerie di muri; la strade sono deserte, in giro ci sono solo un cane e un pollo. I numerosi abitanti della città si sono rifugiati sulle colline, subito dopo la prima onda, temendo che il mare torni di nuovo. Il gestore del Tangerine Beach Hotel, un quattro stelle a 40 chilometri a sud di Colombo, ha visto un gruppo di saccheggiatori che stavano portandosi via i televisori e i mobili del suo albergo sommerso dall'acqua. «Ci sono un sacco di sciacalli in giro. Ma non possiamo fare molto. Ognuno si serve a suo piacimento», ha osservato Lakal Jayasinghe, 43 anni. «L'albergo si è ritrovato all'improvviso sommerso. I letti e i televisori che galleggiavano», ha aggiunto. I clienti sono stati evacuati, portati in salvo verso la capitale, con un tragitto di ore per strade interne, risparmiate dalla furia del mare.
Asantha Sirimanne

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita