Giovedì 18 Aprile 2019 | 13:00

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
PotenzaA potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
LecceNel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
BariLetteratura
Il calcio femminile con ironia: a Bari la presentazione del libro di Christian Montanaro

Il calcio femminile con ironia: a Bari la presentazione del libro di Christian Montanaro

 
TarantoLieto Evento
Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

Martina, nascono 2 cavalli murgesi gemelli: Pamela e Pantaleo

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Come si generano gli tsunami

ROMA - Una gigantesca quantità d'acqua spostata dalla liberazione di una fortissima energia: cominciano così i terribili tsunami, le gigantesche onde come quella generata dal terremoto di magnitudo 8,9 che ha colpito oggi il Sud-Est asiatico e che ha raggiunto le coste provocando vittime e devastazione.
Oltre che dai terremoti, questi fenomeni possono essere generati anche da vulcani sottomarini, da esplosioni o dall'impatto di meteoriti. Il termine giapponese tsunami significa letteralmente «onda del porto», a indicare l'impatto violento di questi fenomeni sulle coste.
Nel caso di un terremoto, come è accaduto oggi, l'onda viene generata dalla spinta che avviene nel momento in cui la crosta terrestre si deforma progressivamente fino a fratturarsi. Le deformazioni che avvengono sul fondale creano perturbazioni nell'equilibrio dell'acqua finché l'energia liberata al momento della frattura non provoca l'onda. Una grande quantità d'acqua comincia così a spostarsi ad una velocità notevole, paragonabile a quella di un aereo di linea. Un fenomeno impressionante ma appena percettibile in mare aperto perché l'onda all'inizio è lunghissima: la sua lunghezza è centinaia di volte maggiore rispetto all'altezza e di conseguenza la pendenza dell'onda è quasi impercettibile.
Quando, però l'onda comincia ad avvicinarsi alla costa le cose cambiano. L'onda infatti rallenta non appena entra in acque basse e la sua energia può concentrasi fino a creare un vero e proprio muro d'acqua alto fino a 30 metri. L'impatto è devastante perché onde come queste hanno una capacità di erosione tale da cancellare in un attimo spiagge e vegetazione, distruggere le case e gli edifici che si trovano sulla costa e da provocare allagamenti fino a centinaia di metri nell'entroterra.
L'onda killer che ha seminato morte e distruzione nell'oceano indiano orientale è un caso classico di tsunami, ossia di un maremoto innescato da un potente evento sismico. L'espressione viene dal giapponese e precisamente dalla combinazione di due parole: tsu, porto e nami, onda.
Il Giappone è uno dei paesi più esposti in assoluto a questo tipo di evento e l'espressione tsunami, ossia Onda del Porto, sembra riferirsi in realtà a ciò che i marinai del Sol Levante sanno molto bene: in caso di maremoto il porto è uno dei posti meno sicuri per una nave, che deve invece cercare di portarsi il più rapidamente possibile in alto mare.
Quando un terremoto nelle profondità marine rilascia la sua energia nell'oceano si produce un fenomeno simile a quello generato da un sasso che viene lanciato in uno stagno: delle onde d'urto cioè che si allontanano circolarmente dal luogo dell'impatto. Nel caso dello Tsunami tuttavia la forza di queste onde d'urto si esaurisce presto in alcune direzioni, mentre si rafforza in altre, a seconda degli ostacoli che incontra e questo sembra essere ciò che è accaduto oggi con l'onda propagatasi dall'epicentro del terremoto verso alcune direzioni in particolare.
Lo tsunami è in realtà costituito da un treno di onde che viaggiano a migliaia di metri di profondità e a grande velocità: possono infatti raggiungere i 700 chilometri all'ora e, se non incontrano ostacoli, propagarsi con tutta la loro energia intatta per migliaia di chilometri. Queste onde d'urto non sono mai molto alte e le navi di una certa dimensione non ne sono colpite in modo particolare se si trovano in alto mare. Il problema nasce quando l'enorme energia dello tsunami viene convogliata dalla particolare conformazione di alcune coste (ad esempio quelle frastagliate e piene di insenature di alcuni arcipelaghi dell'Oceano Indiano come quello di Phuket), dai fondali bassi man mano che la costa s'avvicina o da altri ostacoli, magari artificiali come un grande porto. E' allora che l'onda, per scaricare la grande energia cinetica di cui è dotata, s'alza pere decine di metri, s'incanala con la forza di mille esplosioni tra isolotti, faraglioni, moli e quant'altro tenta d'ostacolarla, seminando una distruzione in tutto e per tutto uguale a un fortissimo terremoto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

 
La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

 
Ruspe a Borgo Mezzanone

Ruspe nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: impegnati 209 agenti

 
Lecce, vede mostra Van Gogh in realtà virtuale e scatta foto: il video diventa virale su Fb

Lecce, vede mostra Van Gogh in realtà virtuale e scatta foto: il video diventa virale su Fb

 
S.Spirito, in cella due rapinatori terrore dei supermercati della zona

S.Spirito, in cella due rapinatori terrore dei supermercati della zona

 
Parigi, Notre Dame come il Petruzzelli: la distruzione sotto gli occhi del mondo

Parigi, Notre Dame come il Petruzzelli: la distruzione sotto gli occhi del mondo

 
Enrico Nigiotti a Lecce, tra standing ovation e un'ode al pasticciotto

Enrico Nigiotti a Lecce, tra standing ovation e un'ode al pasticciotto