Martedì 11 Dicembre 2018 | 14:27

GDM.TV

i più visti della sezione

In Trentino è in vigore dal 2001 e ora diventa più severa

TRENTO - «Non capisco i problemi sollevati dai pubblici esercenti sulla nuova norma nazionale contro il fumo: in Trentino la legge è già attiva da tre anni ed è apprezzata sia dai cittadini che dagli operatori commerciali». E' il commento dell'assessore alla salute della Provincia autonoma di Trento, Remo Andreolli, alle polemiche sulla legge.
Andreolli ricorda che il Trentino, primo e finora unico in Italia, ha già introdotto da oltre tre anni (8 agosto 2001) la normativa che vieta il fumo nei locali pubblici dove si consumano pasti (ristoranti e pizzerie ma anche bar) e che la legge ha incontrato il gradimento sia dei clienti sia degli operatori, i quali l'hanno condivisa perché tutela anche la loro salute. «E non ci sono stati problemi di sorta - aggiunge Andreolli - né sul volume di affari né sull'applicazione della legge. La preoccupazione di doversi trasformare in sceriffi è del tutto infondata. La nostra legge è di una semplicità unica. Basta un cartello con il divieto. Poi sono gli stessi clienti che richiamano all'ordine chi non rispetta il divieto». Ma il Trentino ha deciso di andare oltre. Forte dei buoni risultati della legge di tre anni fa, ha esteso il divieto ad altri ambiti e dal prossimo 10 gennaio il fumo sarà bandito in tutti i bar (anche dove non si consumano pasti), negozi, alberghi, attività ricettive extralberghiere, rifugi, agritur, mezzi di trasporto pubblico e relative sale d'attesa di stazioni e biglietterie, negli esercizi di intrattenimento e svago e in tutti gli altri locali chiusi accessibili al pubblico utilizzati nell'ambito di attività e materie di competenza provinciale.
Non solo: la nuova legge stabilisce il divieto di fumo anche in tutti i luoghi aperti di pertinenza degli asili nido, della scuole materne e nelle scuole di ogni ordine e grado oltre che delle strutture adibite ad ospitare soggetti di età inferiore ai 18 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi