Martedì 19 Gennaio 2021 | 16:23

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl bilancio del Wwf
Molfetta, recuperate e liberate oltre mille tartarughe marine in poco più di 2 anni

Molfetta, recuperate e liberate oltre mille tartarughe marine in poco più di 2 anni

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
TarantoLa protesta
Scuola e Covid, a Taranto gli studenti sigillano simbolicamente ingressi degli istituti

Scuola e Covid, a Taranto gli studenti sigillano simbolicamente ingressi degli istituti

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Arrestati agenti della Polstrada. L'imprenditore: pagare è meglio, una tangente costa meno di un verbale

POTENZA - «Ho fatto una valutazione imprenditoriale: invece di subire verbali per sei-sette milioni di vecchie lire, ho pensato che pagando una tangente me ne liberavo»: così l' imprenditore potentino Massimiliano Galasso ha giustificato il pagamento di 200 euro a due agenti della Polizia stradale in servizio a Matera, che da stamani sono agli arresti domiciliari con l' accusa di corruzione.
La spiegazione del pagamento della tangente è stata fornita da Galasso al gip presso il Tribunale di Potenza, Alberto Iannuzzi, durante l' interrogatorio di garanzia al quale l' imprenditore è stato sottoposto nel carcere di Potenza, dopo essere stato arrestato, il 22 novembre scorso, nell' ambito dell' inchiesta «Iena due» su presunte collusioni fra mafia, politica e affari. L' ordinanza di custodia cautelare a carico dei due agenti della Polizia stradale - Antonio Cappa e Roberto Rinaldi - è stata firmata dallo stesso Iannuzzi ed eseguita stamani dal Ros dei Carabinieri.
L' episodio si verificò nel giugno scorso. Galasso fu avvertito che su una strada provinciale, nei pressi di Tricarico (Matera), due agenti della Polizia stradale avevano controllato un suo escavatore al lavoro e avevano rilevato alcune infrazioni al Codice della strada. Galasso, giunto sul posto, comincia a discutere con i due agenti, i quali - secondo quanto racconterà al gip - gli fanno «capire materialmente» che doveva pagare. L' imprenditore consegna 200 euro ad uno dei due agenti e i verbali non vengono compilati. Secondo Galasso, su quella strada era «proprio una consuetudine» subire richieste di denaro da parte di agenti della Polizia stradale, richieste fatte a volte anche agli autisti di alcuni autocarri dell' impresa.
Nell' ambito dell' inchiesta «Iena due», coordinata dai pm Vincenzo Montemurro ed Henry John Woodcock, sono indagati altri sei agenti della Polizia stradale, in servizio a Potenza: le accuse nei loro confronti sono, a vario titolo, di falsità ideologica e concussione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400