Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:59

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Corecom: cronisti non sono gli unici responsabili delle fughe di notizie

POTENZA - «Che il mondo dell' informazione debba interrogarsi sull' effetto mediatico realizzato con la diffusione delle notizie in occasione della recente eclatante azione giudiziaria, è sin troppo evidente. Ma da qui a cercare tra gli operatori dell' informazione i responsabili unici della diffusione di foto e notizie, ne corre». Lo ha detto in una nota il presidente del Corecom della Basilicata, Luigi Scaglione.
«Chi ha firmato l' esposto nei confronti dei due giornalisti ascoltati dal Procuratore Generale - ha aggiunto Scaglione - deve forse avere più coraggio nell' indicare i presunti responsabili della fuga di notizie, invece di cercare tortuose vie per identificare i presunti delatori. I giornalisti fanno il loro mestiere, come lo fanno i magistrati e gli avvocati. Da qui, la preoccupazione per il clima instauratosi, che ci auguriamo non limiti il diritto dei cittadini lucani ad essere informati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400