Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 12:17

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVil patrono
Bari, la Polizia locale celebra San Sebastiano: «Un pensiero a chi soffre per il Covid»

Bari, la Polizia locale celebra San Sebastiano: «Un pensiero a chi soffre per il Covid»

 
Foggiail furto
Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

Foggia, ladri rubano ambulanza a Borgo Incoronata ma l'abbandonano subito dopo

 
Potenzaautomotive
Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

Melfi, Fca fa spazio a Stellantis anche sulle tute di lavoro

 
Leccela protesta
Terme di Santa Cesarea, lavoratori in agitazione: ritardi nei pagamenti e incertezze sul futuro

Terme Santa Cesarea, lavoratori in agitazione: ritardi nei pagamenti e incertezze sul futuro

 
TarantoIndagini della Poltel
Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

 
Brindisil'inchiesta
Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

Brindisi, perse il bambino al nono mese di gravidanza: indagati quattro medici

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Quattro anni fa un avvertimento

NAPOLI - Un avvertimento a colpi di fucile quattro anni fa contro l'abitazione di Francesco Alfieri. L'uomo rimase illeso nell'agguato probabilmente determinato da una vendetta trasversale, proprio per punire la scelta di pentimento del capo camorra.
In quella occasione sconosciuti fecero fuoco da un'auto con un fucile calibro 12 contro l'abitazione di Piazzolla di Nola, il luogo dove oggi è stato ammazzato Francesco Alfieri. I colpi raggiunsero un balcone al primo piano del villino abitato dallo stesso Alfieri con la moglie e due figlie, a poche decine di metri dalla villa appartenuta in passato al fratello Carmine e poi sottoposta a sequestro.
Gli investigatori, in particolare, ricollegarono l'agguato (pur non escludendo del tutto una matrice estorsiva in considerazione dell'attività commerciale gestita dalla vittima) con l'interrogatorio reso da Carmine Alfieri pochi giorni prima davanti al pm Luigi Gay nell'ambito del processo in corso davanti alla quarta Corte d'Assise di Napoli che aveva imputato il boss della camorra per due omicidi avvenuti nei primi anni Novanta. In quell'occasione erano stati uccisi per un regolamento di conti interno al clan Domenico Balletta e Felice Martinelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400