Martedì 11 Dicembre 2018 | 09:00

GDM.TV

i più visti della sezione

Gli ambiti degli interventi

TARANTO - I circa 60 milioni di euro che la Regione Puglia ha messo a disposizione del Pit 6 "Area Taranto", quale quota pubblica, hanno la loro idea-guida di investimento nel sistema portuale del capoluogo ionico.
I finanziamenti, inoltre, saranno destinati allo sviluppo del territorio con incentivi alle imprese, alla formazione professionale ed alla promozione e partecipazione femminile al mercato del lavoro.
Le infrastrutture, comunque, sono state ritenute prioritarie nella prospettiva di sviluppo ionico e gli investimenti saranno, appunto, concentrati in modo preponderante all'intero sistema portuale tarantino.
Lo stesso Fitto ha reso noto il piano finanziario del Pit 6. Le risorse saranno, perciò, suddivise per il 39% alle infrastrutture, 26 alla formazione, 27 agli incentivi ed 8 ai servizi.
La maggiore attenzione verso le infrastrutture è derivata dal riscontro che «sebbene la realtà infrastrutturale mostri un buon numero di collegamenti, l'area non riesce a sfruttare a pieno gli investimenti già sostenuti ed è ancora fortemente penalizzata sia dalla qualità delle infrastrutture viarie, ferroviarie, portuali e aeroportuali, sia dal mancato completamento di alcuni interventi fondamentali».
Attraverso i finanziamenti del Pit - afferma il Sindaco di Taranto, Rossana Di Bello - si sarà in grado di assicurare «nuova occupazione di cantiere per 940 addetti, nuova occupazione di gestione per 235 addetti, indotto per 670 unità, mentre saranno 1.230 gli utenti serviti dagli investimenti immateriali».
Le infrastrutture che il Pit mette in evidenza sono gli impianti ferroviari a servizio del Distripark ed il loro collegamenti alla rete nazionale, il raccordo fra le arre industriali di San Giorgio Jonico e Taranto, il potenziamento dell'ara industriale di Massafra.
Riguardo alla formazione, il Pit pone la maggiore sua attenzione ai giovani tra i 16 ed i 18 ani di età. Molti interventi in questo settore sono, infatti, rivolti ai giovani in questa fascia di età con tirocini, stage, borse di studio di specializzazione post laurea, istruzione e formazione tecnica superiore, formazione post qualifica.
«La scelta che ha fatto la Regione col Pit 6 - dice il sindaco - è coerente con i progetti del Comune di Taranto, che sta puntando sul porto, sulla logistica, sulle infrastrutture di collegamento e sulla risorsa mare. Tutto per indirizzare l'economia locale ai fini produttivi e turistici per affrancare l'economia della città dalla monocultura».
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca